Menu
Cerca
Appuntamento rimandato

Coprifuoco e riaperture: chiesta la cabina di regia venerdì

Nella cabina di regia di oggi si è parlato "solo" delle misure del decreto Sostegni bis: chiesta venerdì la riunione per il "tagliando" su coprifuoco e riaperture

Coprifuoco e riaperture: chiesta la cabina di regia venerdì
Politica Varese, 11 Maggio 2021 ore 17:14

Stamattina erano arrivate le prime smentite: nessuna cabina di regia in giornata a Roma per discutere di coprifuoco e riaperture, solo quella per il nuovo decreto Sostegni bis. L'appuntamento potrebbe tenersi venerdì, su pressione delle forze di centrodestra ma non solo.

Coprifuoco e riaperture: discussione venerdì

"Non si aspetti un'altra settimana". Il centrodestra, Lega in testa, continua a premere per l'abolizione del coprifuoco e l'anticipo di alcune riaperture in programma per giugno. Sembrava se ne dovesse parlare oggi ma in mattinata era arrivata la smentita da Palazzo Chigi. Al termine dell'incontro fra le forze di governo, comunque, sarebbe stata presentata la richiesta di una cabina di regia venerdì 14 per discutere di coprifuoco e riaperture.

Domani invece nel tavolo con le Regioni si potrebbe decidere per un cambio dei parametri che oggi definiscono l'ingresso e l'uscita dalle varie zone di rischio. Sul tavolo soprattutto l'indice Rt sintomi, che potrebbe venir "ridimensionato" o sostituito (come chiesto da diverse Regioni) da quello ricoveri. All'ordine del giorno anche le linee guida per la ripresa delle attività, tra cui quelle legate alle cerimonie e ai matrimoni.

Le ipotesi

Cosa potrebbe cambiare? Innanzitutto l'orario del coprifuoco. Difficile un'abolizione già da settimana prossima, più possibile uno slittamento alla mezzanotte o alle 23 che sarebbe sostenuto anche dal Movimento 5 Stelle e da parte del Pd.

Poi le attività economiche: Lega, Forza Italia e Regioni premono per far tornare al lavoro anche al coperto bar e ristoranti anticipando la riapertura in programma il 1 giugno, e con quello anche la ripresa delle attività di palestre e piscine al chiuso e l'apertura dei centri commerciali nel finesettimana, inizialmente prevista dal 26 aprile e poi "sparita" dal Decreto.