Saronno

L’onorevole Braga: “Regione ha il dovere di dare risposte sull’ospedale di Saronno”

Un'altra voce si unisce al coro diretto verso la Regione a chiedere certezze sul futuro dell'ospedale di Saronno

L’onorevole Braga: “Regione ha il dovere di dare risposte sull’ospedale di Saronno”
Cronaca Saronno, 12 Gennaio 2021 ore 16:11

Anche l’onorevole Pd Chiara Braga si unisce al coro di chi chiede chiarezza alla Regione sul futuro dell’ospedale di Saronno dopo la manifestazione fuori dai cancelli di ieri, lunedì 11 dicembre.

Ospedale di Saronno, anche l’onorevole Braga preme sulla Regione

Per ora, di risposte da Palazzo Lombardia non ne arrivano. Però la voce di Saronno e del Saronnese si fa sempre più forte. L’ultima a chiedere di chiarire il futuro dell’Ospedale di Saronno dopo medici e infermieri, il sindaco Augusto Airoldi e Obiettivo Saronno, il consigliere regionale Pd Samuele Astuti e alcuni esponenti politici dei Comuni del territorio, è l’onorevole Pd Chiara Braga, che ha rilanciato l’appello dei professionisti sanitari.

LEGGI ANCHE: Manca il personale, la terapia intensiva Covid di Saronno trasferita. Sit in fuori dal Municipio VIDEO

“Inerzia preoccupante dalla Regione”

“Un grido di preoccupazione e d’allarme che condivido e sostengo – fa sapere Braga, riferendosi alle parole pronunciate anche ieri fuori dall’ospedale – Un’inerzia da parte di Regione Lombardia che insinua l’intenzione, preoccupante, di voler ridurre ai minimi termini il reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Saronno fino a condurlo alla sua completa chiusura”.

“Regione Lombardia – ha aggiunto – ha il dovere di dare risposte chiare e argomentate in merito al futuro sanitario del presidio ospedaliero di Saronno. Lo deve per rispetto dei tanti medici infermieri, operatori sanitari che lì ci lavorano e che durante le fasi acute della pandemia non si sono mai risparmiati; lo deve ai cittadini saronnesi e dei territori vicini che hanno sempre dato fiducia e visto, anche nei momenti più bui e critici, l’ospedale di Saronno come un valido presidio socio-sanitario per gli interventi di emergenza-urgenza e per la cura dei malati”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità