I numeri della corsa

Lo sprint della Lombardia: da pecora a nera della campagna vaccinale a prima in Italia

Qui somministrate ad oggi 115mila dosi ogni 100mila abitanti, ben sopra la media nazionale di 98mila

Lo sprint della Lombardia: da pecora a nera della campagna vaccinale a prima in Italia
Cronaca Varese, 13 Luglio 2021 ore 15:39

Sono ormai lontane, lontanissime, le polemiche e gli inciampi dei primi mesi della campana vaccinale in Lombardia, che oggi è in testa alla "classifica" nazionale per numero di dosi somministrate ogni 100mila abitanti.

Campagna vaccinale in Lombardia: primi in Italia per dosi nella popolazione

115.498 dosi ogni 100mila abitanti. Il dato, calcolato da Il Sole 24 Ore, è solo l'ultimo a dimostrare il gran recupero fatto dalla campagna vaccinale lombarda dopo i ritardi e le fatiche dei primi mesi. Le ricordiamo tutti: un avvio stentato, che aveva portato la Regione in coda alle statistiche della vaccinazione anti-Covid e dunque al centro delle polemiche nazionali, tanto da mettere ancor più in discussione un "modello lombardo" già duramente bersagliato, e non sempre a torto, nell'anno della pandemia.

Ad aprile però la campagna aveva iniziato finalmente a ingranare. L'addio dopo mesi di difficoltà alla piattaforma realizzata dalla partecipata regionale Aria ha permesso  di marciare a pieno ritmo, sempre compatibilmente con le dosi, scarse e incerte, in arrivo da Roma.

E a una "macchina" ormai lanciata al ritmo di oltre 110mila somministrazioni al giorno, si è affiancata una popolazione che non ha mancato di rispondere all'appello. Le adesioni alla campagna vaccinale non sono mai mancate, riempiendo ogni volta le liste vaccinali in poche ore. Reazione di un popolo che il prezzo del Covid lo ha pagato in prima persona, sulla propria pelle e su quella dei propri cari, e che stanca di attendere aveva (ed ha) voglia di riguadagnarsi quella "normalità" persa a causa del virus, annunciata e promessa ma sempre rimandata.

Oggi, martedì 13 luglio, è la Vicepresidente della Regione Letizia Moratti a festeggiare il traguardo con un tweet:

"La Lombardia è prima per dosi ogni 100mila abitanti, ben al di sopra della media nazionale, contribuendo in modo determinante al buon andamento della campagna vaccinale del Paese. Continuiamo ad aderire e vacciniamoci per ripartire in sicurezza con scuola e lavoro".

Elaborazione Il Sole 24 Ore

I numeri della Lombardia

Ma andiamo a vederli i numeri della Regione, grazie alle elaborazioni de Il Sole 24 Ore:

10.330.591 dosi utilizzate su 10.935.599 consegnate (il 94,5%, la percentuale più alta in Italia); Pfizer e Moderna utilizzati praticamente a pieno ritmo (99% il primo, 93% il secondo), meno AstraZeneca e Johnson&Johnson tra diffidenza dei cittadini cui sarebbe diretto e l'esaurimento dei "disponibili" al vaccino nelle fasce over50. Il 41,8% della popolazione lombarda risulta vaccinata con la seconda dose, cui pian piano si aggiungerà il 22,6% in attesa del richiamo mentre c'è un 35,5% ancora non vaccinato che andrà progressivamente, e si spera non troppo parzialmente, a ridursi mano a mano che si procede con gli appuntamenti.

LEGGI ANCHE: Variante Delta, cresce la sua diffusione in Lombardia. TUTTI I DATI

Tra le categorie, gli ospiti delle RSA e il personale sanitario hanno raggiunto da tempo il 100% della copertura con almeno una dose e sono ormai prossimi al 100% anche con la seconda. Manca ancora qualcuno all'appello invece tra il personale scolastico, vaccinato con prima dose al 91% (e all'89,1% con la seconda).

Nelle fasce d'età c'è ancora del lavoro da fare per la parte più fragile della popolazione:

  • Over90: 98,38% completamente vaccinati, 2,83% in attesa della seconda dose
  • 80/89: 93,87% completamente vaccinati, 0,88% in attesa della seconda dose, 5,24% senza dosi
  • 70/79: 74,68% completamente vaccinati, 12,99% in attesa della seconda dose, 12,33% senza dosi
  • 60/69:  59,66% completamente vaccinati, 23,51% in attesa della seconda dose, 22,42% senza dosi
  • 50/59: 60,46% completamente vaccinati, 17,12% in attesa della seconda dose, 22,42% senza dosi
  • 40/49: 32,55% completamente vaccinati, 34,82% in attesa della seconda dose, 32,63% senza dosi
  • 30/39: 26,43% completamente vaccinati, 36,07% in attesa della seconda dose, 37,50% senza dosi
  • 20/29: 21,65% completamente vaccinati, 40,84% in attesa della seconda dose, 37,50% senza dosi
  • 12/19: 4,44% completamente vaccinati, 28,69% in attesa della seconda dose, 66,87% senza dosi