Menu
Cerca
Politica

Scontro Pd-Lega a Saronno sul coprifuoco. I dem: “Ci auguriamo non venga permesso il gazebo”

Il PD: "Del tutto disinteressata alla salute e alla sicurezza dei cittadini la Lega si cimenterà sabato in un tentativo di assembramenti pericolosi e di contagi diffusi"

Scontro Pd-Lega a Saronno sul coprifuoco. I dem: “Ci auguriamo non venga permesso il gazebo”
Politica Saronno, 28 Aprile 2021 ore 09:27

Sabato prossimo la Lega cittadina ha dato appuntamento, sabato 8 maggio, per un gazebo in piazza Volontari del Sangue, dove aderire alla petizione lanciata dal partito nazionale contro il coprifuoco alle 22. Una chiamata alle firme, e un’iniziativa, che non è piaciuta al Pd saronnese che tramite una nota a firma di Valeria Valioni, del Direttivo, definisce il gazebo “un tentativo di attacco alla salute pubblica”.

Scontro Pd-Lega sul coprifuoco. Il Pd: “Tentativo di assembramenti pericolosi e contagi diffusi”

Come ha detto ieri Letta in estrema sintesi: “Scelga, la piazza o Draghi”

“Ancora una volta ecco la Lega preoccuparsi solo per il calo dei suoi consensi, registrato dai sondaggi. Del tutto disinteressata alla salute e alla sicurezza dei cittadini, dopo aver fatto le pulci all’hub vaccinale presso l’ex Pizzigoni (che forse preferirebbe chiuso, con i saronnesi costretti a decine o centinaia di chilometri per vaccinarsi), si cimenterà sabato in un tentativo di assembramenti pericolosi e di contagi diffusi.

C’è una percentuale di cittadini, minoranza nel Paese, insofferenti alle regole e alle restrizioni che salvano la vita a tanti anziani e a tanti soggetti fragili. E’ a questa minoranza che la Lega strizza l’occhio, ignorando il tributo di 115.000 e più vite già sacrificate alla pandemia, ignorando la fatica e il sacrificio di tanti operatori sanitari che non conoscono da mesi un giorno di ferie, con ritmi incessanti e sfiancanti di lavoro.

Ci auguriamo che non venga concesso il permesso per porre in atto questo tentativo di attacco alla salute pubblica; grave comunque l’averlo progettato e proposto.

Una Lega di governo? Una Lega responsabile? E’ sotto gli occhi di tutti il doppiogiochismo dell’essere nel Governo e nel cercare contemporaneamente di minarne le decisioni e la credibilità.

L’Italia non ha bisogno di forze politiche irresponsabili e interessate solo al proprio orticello. Il Paese deve ripartire unito, vincendo la battaglia contro il virus assassino e tutelando la salute pubblica”.