Politica

La Provincia di Varese verso l'uscita dal predissesto finanziario

Verso il ripianamento del disavanzo da 56 milioni rilevato nel 2015, con largo anticipo

La Provincia di Varese verso l'uscita dal predissesto finanziario
Politica Varese, 17 Febbraio 2022 ore 15:04

La Corte dei Conti ha accolto positivamente la proposta di chiusura anticipata della procedura di riequilibrio della Provincia di Varese.

Conti in ordine: la Provincia di Varese verso l'uscita dal predissesto

Con la delibera n. 17 del 1° febbraio 2022 la Corte dei Conti ha approvato la proposta del piano di riequilibrio promossa dal Consiglio Provinciale con la deliberazione n. 45 del 14 dicembre 2021 rendendo sempre di più vicina l’uscita definitiva del nostro Ente dal predissesto finanziario.

Manca davvero poco per raggiungere un obiettivo che il Presidente Antonelli ha già definito “epocale”. L’uscita definitiva dal predissesto sarà infatti determinata dall’esame e dalla validazione da parte della Corte dei Conti della relazione finale dell’Organo di revisione economico-finanziaria del'Ente sull’attuazione completa del piano e sugli obiettivi di riequilibrio raggiunti.

"La Provincia di Varese - comunicano da Villa Recalcati - raggiunge l’obiettivo di risanamento, i conti sono di nuovo in ordine e con notevole anticipo rispetto al piano di rientro. L’Ente ha chiuso la situazione deficitaria tramite un’oculata gestione del bilancio, senza sacrificare i servizi alla Collettività e garantendo la qualità di servizi".

56 milioni di disavanzo

Il predissesto finanziario relativo al bilancio del 2012 è da ricondursi al disavanzo derivante dalla gestione dei residui dell’Ente e dal recupero delle somme trattenute dallo Stato nell’ambito della Spending Review.

Il disavanzo totale era di 56 milioni di euro, composto da:

  • un disavanzo da rendiconto (30 milioni e 597 mila euro) da ripianare in 10 anni;
  • restituzione allo Stato (21 milioni e 544 mila euro) di risorse derivanti dalla spending review da ripianare in 10 anni;
  • un disavanzo tecnico (3 milioni 823 mila euro), da ripianare nei prossimi trent’anni.

"Un grande risultato convalidato in ultima istanza dalla Corte dei Conti - continuano dalla Provincia - ma ottenuto grazie alle professionalità che hanno seguito da vicino il lavoro contabile per rimettere in sesto il bilancio come la Dott.ssa Antonella Guarino, Segretario Generale, la Dott.ssa Rosella Barneschi, ex Dirigente del settore Risorse Finanziarie, il Dott. Marco Riganti, ex Consigliere Provinciale con delega al bilancio, la Dott.ssa Maria Teresa Marino, ex Dirigente del settore Risorse Finanziarie e i funzionari del Settore Finanze e Bilancio.

Un esito importante che è stato possibile raggiungere anche grazie al lavoro e all’impegno di tutto l’Ente, che ha affrontato uno sforzo enorme in termini di riduzione delle risorse, rimanendo sempre concentrato sulla soddisfazione delle esigenze dei Cittadini. Un risultato importante che rilancerà l’Ente, il quale potrà di nuovo investire a vantaggio di tutti i Comuni.

Assunzioni in vista

Inoltre, l’approvazione del piano di rientro consentirà di rivedere il piano delle assunzioni in Provincia. Nuove assunzioni significano permettere il turnover del personale o implementare l’attuale organico. Avere nuove risorse umane consente di presidiare e realizzare un maggior numero di progetti a vantaggio dei Cittadini e del Territorio.

“La Provincia di Varese, grazie alla nuova amministrazione, ha dato un’accelerata sui conti intervenendo sui residui attivi e passivi con
un’attività di due diligence sui bilanci degli ultimi anni - dichiara il Presidente della Provincia Emanuele Antonelli - Al Consiglio Provinciale di lunedì 14 febbraio è stato presentato il penultimo 'tassello' che ci permette di chiudere anticipatamente la procedura
di riequilibrio".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter