Politica
Politica

"Fallimento Airoldi: la maggioranza è in pezzi"

Airoldi caccia Ciceroni, dalla Lega l'affondo: "La partecipazione ed il dialogo tanto sbandierati dalla propaganda Airoldi non esistono, nemmeno dentro alla maggioranza"

"Fallimento Airoldi: la maggioranza è in pezzi"
Politica Saronno, 13 Gennaio 2022 ore 14:04

La cacciata dalla Giunta di Novella Ciceroni, unica esponente di Obiettivo Saronno, comunicata stamattina dal sindaco di Saronno Augusto Airoldi non rappresenta solo un terremoto per la maggioranza. Ma è anche un "regalo" alle opposizioni, che in questo anno e poco più di amministrazione non hanno mai mancato di sottolineare le crepe che mano a mano si sono aperte nella maggioranza di Airoldi, e in particolare proprio con Obiettivo Saronno.

La Lega: "Fallimento Airoldi"

Per la Lega sono il Responsabile della sezione Angelo Veronesi  e il capogruppo Raffaele Fagioli a commentare, e non teneramente, l'ultimo atto di Airoldi:

"Per comprendere velocemente la situazione in cui versa Saronno basta guardare il riflesso che ci fornisce lo specchio della politica cittadina: consigli comunali in cui il sindaco non parla mai, discussioni infinite all’interno della maggioranza, spaccature nelle votazioni, dimissioni ed espulsioni di assessori. E sono solo 15 mesi dall’insediamento della giunta.

La partecipazione ed il dialogo tanto sbandierati dalla propaganda Airoldi non esistono e l'opacità di qualsiasi scelta è manifesta: nelle decisioni non vengono coinvolti né gli assessori né tutta la maggioranza. L’evidente mancanza di fiducia tra le forze che compongono il variopinto quadro di maggioranza è dettata dal fatto che esiste uno sparuto gruppo di persone abituato a decidere tutto nell'ombra senza coinvolgere nessuno, nemmeno all’interno dell’alleanza alla guida della città. Se non a giochi fatti.

Solo qualche mese fa ha mollato l’assessore Mazzoldi: non veniva coinvolta nelle scelte. Ora viene espulsa l’assessore Ciceroni, scaricandole addosso tutte le responsabilità per la mancata tempistica della scuola Rodari.

Non ci stiamo. Il sindaco Airoldi non creda di prendere in giro i saronnesi. L’attuale primo cittadino è sempre solito autopromuoversi prendendosi tutti i meriti, anche quelli di altri e di passate amministrazioni. Ma è incapace di prendersi le proprie responsabilità e di discutere con la sua maggioranza di progetti e provvedimenti che andranno a determinare la vita Saronnese. Tanto meno è capace di discutere con i cittadini: le riunioni svolte con questi ultimi sono state un flop, una fiera dell’autocelebrazione, facendo come sempre solo vuota propaganda senza discussione.

L'amministrazione degli autoproclamati “Responsabili”, sta dimostrando tutta la propria inconsistenza. Le bugie hanno le gambe corte, e difficilmente possono condurre lontano".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter