Tradate

Bollette dell’acqua “roventi”, le minoranze chiedono di far chiarezza e di indire un’assemblea pubblica

 I tre gruppi d'opposizione  invitano il sindaco a prendere contatto con il nuovo gestore, Alfa srl  e ad istituire uno sportello in municipio: "I cittadini non devono sentirsi soli, ancor più oggi in questo momento di crisi economica"

Bollette dell’acqua “roventi”, le minoranze chiedono di far chiarezza e di indire un’assemblea pubblica
Politica Tradate, 04 Gennaio 2021 ore 09:30

 

I tre gruppi d’opposizione, Partecipare Sempre, Pd e Innovazione civica, entrano a gamba tesa sulla polemica innescata dai rincari sul consumano dell’acqua  con le bollette emesse in questi giorni dal nuovo gestore del servizio idrico, Alfa srl, subentrato a Prealpi servizi.  Questa mattina hanno inviato una lettera al sindaco Giuseppe Bascialla perchè “prenda contatto con la società e faccia chiarezza,   perchè si attivi per istituire uno sportello informativo in municipio e per organizzare un incontro pubblico, anche in streaming: i cittadini non devono sentirsi soli”.

Tradate passa ad Alfa, e le bollette dell’acqua lievitano

Brutta sorpresa a cavallo tra il 2020 e il 2021 per i tradatesi: chiuso il percorso per il passaggio della gestione del servizio idrico in città da Prealpi Servizi ad Alfa srl sono arrivate le bollette. Un passaggio che, per le tasche dei cittadini, è tutt’altro che indolore.  E scatta subito la protesta, che torna ad agitare il consiglio comunale che, nelle sue diverse composizioni, negli ultimi 5 anni ha più volte discusso l’ingresso nella società in house composta da quasi tutti i Comuni della provincia.

Anni in cui il rischio di aumenti, più una certezza viste le esperienze degli altri comuni, è stato più volte portato sui banchi del consiglio in occasione dei diversi passaggi formali di quella che è sempre stata presentata come una “scelta obbligata” imposta dalla normativa, anche se rimandata per anni. Chi ha buona memoria e ha seguito i lavori consiliari degli ultimi anni, ricorderà ad esempio le discussioni fra l’allora assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Scrivo, il consigliere di Partecipare Insieme Maurizio Alberti e quello dell’allora opposizione del Movimento Prealpino Franco Accordino, oggi vicesindaco.  Il cambio di colore dell’Amministrazione non ha fermato quel percorso nè ha impedito che a Tradate avvenisse quanto già successo a Lonate Ceppino, Castiglione Olona, Venegono, solo per citare gli esempi più vicini.

PUOI LEGGERE ANCHETradate passa ad Alfa, e le bollette dell’acqua lievitano

 Le opposizioni: “Stiamo al fianco dei cittadini”

“In relazione all’emissione delle prime bollette per il consumo di acqua con gestione Alfa,vista l’amara sorpresa del rincaro spropositato, importi di gran lunga superiori rispetto la precedente gestione di Prealpi Servizi, considerato che i cittadini non possono e non devono mai sentirsi soli, oggi ancor più per il particolare momento contingente di grave crisi socio economica conseguente la nota pandemia”

I consiglieri di opposizione,  Alfio Plebani (Innovazione civica), Mauro Prestinoni e Marco Viscardi ( Pd), Laura Cavalotti ed Ermanna Ferrario ( Partecipare Sempre)  hanno subito preso carte e penna e hanno mandato una raccomandata al sindaco

 

“Il sindaco faccia chiarezza, organizzi un’assemblea pubblica”

I consiglieri d’opposizione chiedono al sindaco Bascialla:

“Di prendere celermente contatto con i vertici di Alfa srl per fare chiarezza;
– di reperire da Alfa srl tutta la documentazione necessaria relativa agli importi esposti per un immediato confronto degli stessi con il precedente gestore Prealpi Servizi srl;
– di istituire presso il Municipio uno sportello Alfa srl dedicato a fornire informazioni e chiarimenti;
– di organizzare con carattere di urgenza una assemblea pubblica (streaming con possibilità di intervento dei cittadini) nella quale il Sindaco relazioni sull’argomento e risponda alle domande dei cittadini)”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità