Economia
L'appello

"I cortei No Green Pass ci fanno perdere il 30% del fatturato"

Il presidente di Uniascom Confcommercio lancia l’allarme in vista del Natale: "Gli organizzatori sospendano le manifestazioni o le facciano in altri giorni"

"I cortei No Green Pass ci fanno perdere il 30% del fatturato"
Economia Varese, 05 Novembre 2021 ore 16:06

"Stop ai cortei dei “no green pass” al sabato nelle piazze delle nostre città". Rudy Collini, presidente di Uniascom Confcommercio provincia di Varese, lancio un appello di responsabilità agli organizzatori delle manifestazioni affinché "le sospendano o trovino altre modalità e altri giorni per scendere in piazza, in modo da non nuocere ulteriormente i commercianti, già fortemente penalizzati dalla pandemia".

Collini condivide la linea del presidente nazionale Carlo Sangalli. "Soprattutto con l’avvicinarsi del periodo natalizio, non possiamo permetterci dopo tutta la sofferenza di questo lungo anno e mezzo di pandemia, che si crei un clima di contrapposizione dannoso per la società civile e per il mondo delle imprese".

Continui cortei No Green Pass, centri storici paralizzati

Collini non cotesta le manifestazioni, "perché il diritto di rendere pubbliche le proprie opinioni - precisa - è sacrosanto e la libertà di esprimere le proprie idee è il fondamento della nostra democrazia". Quanto, piuttosto, le modalità delle proteste, concentrate nel primo giorno del week-end.

"Le contestazioni, concentrate nelle principali piazze delle nostre città, paralizzano i centri storici, tengono lontane le persone dalla tradizionale passeggiata in zona pedonale e perciò riducono la presenza di clienti nei negozi. In questi primi tre sabati di sit-in si è stimata una perdita di fatturato di quasi il 30%, in una giornata fondamentale come quella del sabato che da sola vale il 25% dell’intero incasso settimanale".

Il nemico è il Covid

Collini, infine, condivide le parole del presidente Sangalli: "La probabile estensione dell'emergenza sanitaria dimostra che la pandemia resta ancora un problema aperto e una fonte di preoccupazione. Proprio per questo è fondamentale ricordare
che è il Covid il nemico comune e non le soluzioni per combatterlo. Lo stesso virus che ha provocato perdite umane
gravissime e colpito profondamente centinaia di migliaia di imprese, soprattutto del terziario, che solo ora si stanno rialzando".

"Ricordo - spiega il presidente di Uniascom - che un anno fa in questi giorni iniziava il secondo durissimo lockdown che ha portato alla chiusura temporanea di circa il 70% di aziende nel settore del commercio dei servizi e del turismo, con ripercussioni pesantissime e drammatiche nelle aziende e famiglie coinvolte. Ecco perché -  conclude - va messo in campo ogni sforzo per contenere il contagio e permettere alle imprese di lavorare lasciando alle spalle quel durissimo periodo".