Economia

Floricoltura in crisi nera: crollo delle vendite anche a Ognissanti

Ora il settore teme nuove restrizioni sotto Natale che porterebbero ad altre perdite

Floricoltura in crisi nera: crollo delle vendite anche a Ognissanti
Varese, 12 Novembre 2020 ore 17:46

Coldiretti Varese pubblica le stime: a inizio novembre acquisti in calo del 35%, soffrono composizioni e reciso. Il presidente Fernando Fiori lancia l’allarme sulla floricoltura: “Scenario preoccupante in vista del Natale, importante mantenere attivi i canali di vendita”.

Floricoltura, effetto Covid anche ad Ognissanti

Gli effetti dell’emergenza Coronavirus colpisce anche la floricoltura del Varesotto: si tratta di un contraccolpo temuto che rischia di generare effetti pesanti per il tessuto agricolo ed economico della provincia prealpina.

“La cartina di tornasole si è avuta con le ultime festività di Ognissanti, con un crollo nelle vendite di crisantemi e composizioni che oscilla in media tra il 30% e il 35% in meno rispetto allo scorso anno, con punte anche superiori fino al 50%, distribuite sia nel comparto produttivo che in quello della vendita”.

Quello di Fernando Fiori, presidente provinciale di Coldiretti, è l’ennesimo allarme dopo quelli in primavera sulla crisi che a causa del Covid ha investito la floricoltura e il florovivaismo.

Effetto della confusione

Prima causa del calo di vendite di Ognissanti, uno dei periodi più remunerativi per il settore, non tanto le chiusure disposte da Dpcm e ordinanze, che hanno tutte fatto salvo la possibilità di raggiungere i cimiteri, quanto più la confusione che da sempre segue gli annunci e i provvedimenti governativi e regionali.

“La richiesta è calata anche perché la gente si è trovata disorientata di fronte al susseguirsi di norme e chiusure: c’è chi addirittura pensava che i cimiteri fossero chiusi e chi, comprensibilmente, ha preferito restare a casa, impaurito dalla possibilità di un affollamento. Nella quasi totalità dei casi, comunque, gli accessi erano controllati e contingentati, quindi ancor più in sicurezza”.

LEGGI ANCHE: Il primario del Sacco Galli: “Il Natale? Per come lo conoscevamo prima, ce lo siamo giocati”

Imprese varesine in sofferenza

L’impatto dell’emergenza coronavirus sulle vendite di fiori nei giorni delle festività di inizio novembre ha colpito in generale la Lombardia e si è reso evidente proprio nelle province settentrionali, dove la vocazione floricola è ancor più marcata: il Varesotto conta quasi mille imprese impegnate nel comparto florovivaistico da cui dipendono, considerando l’indotto, migliaia di famiglie.

LEGGI ANCHE: Il lockdown nazionale non è più tabu: si decide il 15 novembre

Il dato emerge da una rilevazione di Coldiretti Varese sui florovivaisti associati. C’è chi, vista l’incertezza della situazione che stiamo attraversando, ha deciso di limitare la produzione in partenza riuscendo poi a vendere tutti i fiori a disposizione nel weekend tradizionalmente dedicato a Ognissanti e defunti. Chi, invece, si è ritrovato con prodotto invenduto in diversi casi è stato costretto anche a buttare i fiori in particolare i crisantemi che, comunque, dopo le festività di Ognissanti sono molto meno richiesti dal mercato.

“Ora si guarda con apprensione alle settimane in vista delle festività di dicembre – conclude Fiori – un’ulteriore ‘stretta’ nelle misure anti contagio potrebbe pregiudicare il mercato delle stelle natalizie, con effetti drammatici per il comparto florovivaistico, già piegato duramente dalla scorsa primavera: mantenere attivi i canali di vendita, come lo sono tuttora, è una condizione essenziale per evitare il collasso del comparto”.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia