Cultura
Arte

Parte il restauro delle tavolette del Cinquecento della chiesa parrocchiale di Azzate

L'intervento permetterà non solo di ripulire e riportare allo splendore le due opere ma, si spera, anche di scoprire qualcosa sulla loro origine e il loro autore

Parte il restauro delle tavolette del Cinquecento della chiesa parrocchiale di Azzate
Cultura Varese, 18 Marzo 2022 ore 13:36

Sono partiti i lavori di restauro di due tavolette risalenti al XVI secolo rinvenute all’interno della Chiesa Parrocchiale di Azzate.

Azzate, restauro e indagini sulle due tavolette del Cinquecento

Grazie a questo intervento, si scoprirà qualcosa in più rispetto al soggetto raffigurato e alla provenienza del manufatto: chi sono i protagonisti e dove erano collocate in origine queste tavolette? Si tratta di piccoli “misteri” legati ad opere sicuramente minori, in grado però di incuriosire, appassionare e contribuire a scoprire storie locali. Ed è questo il filo conduttore dell’intervento, reso possibile grazie al bando “Tesori nascosti” di Fondazione Comunitaria del Varesotto che, oltre a sostenere il recupero delle opere, si propone di valorizzare e restituire alla comunità le opere coinvolte attraverso la possibilità non solo di ammirarle, ma anche di narrare la loro storia.

La storia delle due opere

2 foto Sfoglia la gallery

I manufatti in questione sono apparsi più volte nelle guide del secolo scorso dedicate al Varesotto e sono conservate all’interno della Chiesa Parrocchiale di Azzate. Pur non conoscendo con certezza il soggetto e la provenienza, si ipotizza che le due tavolette facciano parte della perduta cornice nella quale era inserita la pala d’altare dipinta nel 1542 e firmata da Callisto Piazza, pittore rinascimentale originario di Lodi, ma attivo anche nella Lombardia orientale e a Milano. Le opere che verranno restaurate facevano forse parte dell’unico lavoro certamente attribuito a Piazza nel territorio della provincia di Varese. Le fonti relative al soggetto rappresentato si sono rivelate contraddittorie, ma proprio grazie all’opera di restauro potranno emergere più informazioni, quali la destinazione originaria.

Il restauro e il progetto

Il progetto di restauro e valorizzazione è promosso dall’associazione L’Alveare di Buguggiate, un’organizzazione di volontariato attiva sul territorio dal 2016 che tutela l’ambiente e valorizza le sue risorse naturali, artistiche, storiche e culturali. L’associazione, infatti, cerca di sensibilizzare sui temi del riciclo e del riuso, sull’acquisto di capi vintage e prodotti biologici per ridurre gli sprechi e gli impatti ambientali. Il ricavato di questi acquisti è finalizzato alla conservazione dei beni artistici del territorio.

Al termine del restauro le tavolette confluiranno nella mostra che sarà allestita al Castello di Masnago a Varese nel prossimo autunno e che vedrà coinvolte tutte le opere restaurate nel Varesotto grazie al bando “Tesoti nascosti”. Per restituire appieno le opere alla comunità locale il progetto dell’Alveare prevede inoltre mini-conferenze e visite guidate con lo storico dell'arte e la restauratrice, la realizzazione di una breve brochure e un video-documentario che collochi il restauro all’interno del patrimonio storico-artistico della Chiesa Parrocchiale di Azzate. Tutte azioni che faranno di questa piccola storia un patrimonio da condividere con tutta la comunità.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter