Tradate

Tradate sfonda soglia dei 200 positivi e dà l’addio a due cittadini

Sono 225 i contagi e 54 le ordinanze di quarantena fiduciaria per i conviventi firmate dal sindaco Bascialla dall'inizio del mese.

Tradate sfonda soglia dei 200 positivi e dà l’addio a due cittadini
Tradate, 03 Novembre 2020 ore 10:30

 

Non si ferma la curva dei contagi a Tradate. In poche settimane i positivi sono saliti a 225 nella giornata di lunedì 2 novembre 2020. Cittadini per lo più in isolamento domiciliare. Sono due i tradatesi colpiti dal Covid che non ce l’hanno fatta.

Salgono a 225 i positivi in città

Sfonda il muro dei 200 contagi la curva epidemiologica lunedì 2 novembre a Tradate e i nuovi contagi hanno età compresa tra i 30 e i 60 anni, ma vi sono ancora molti giovani, adolescenti che sono per la stra grande maggioranza curati a domicilio. Cominciano però a salire i cittadini over 70 colpiti dal Covid. Nel mese di novembre i più anziani sono due donne di 84 e 85 anni.  Il virus continua a diffondersi anche tra i banchi e cresce anche il numero delle classi in quarantena fiduciaria.

Covid, due vittime

Sono due i tradatesi risultati positivi al tampone che non ce l’hanno fatta e sono morti in ospedale dove erano stati ricoverati. Si tratta di un uomo di 67 e di un concittadino di 87 anni entrambi con patologie pregresse. Alle loro famiglie il cordoglio dell’Amministrazione comunale e dell’intera comunità.

Più di 50 le ordinanze di isolamento in due giorni

Sono 54 le ordinanze di quarantena fiduciaria emesse dal sindaco Giuseppe Bascialla dall’inizio del mese di novembre, e oltre 200 dall’inizio della seconda fase pandemica iniziata ad ottobre. Si tratta di  una misura preventiva per prevenire e contenere la diffusione del virus volta  a mettere in isolamento i familiari dei positivi. L’ordinanza è consegnata a domicilio dagli agenti di Polizia locale e chi la viola rischia una denuncia penale. Tradate è stato uno dei primi comuni, già in primavera, ad utilizzare questo strumento per mettere in isolamento fiduciario chi è venuto a contatto con pazienti risultati affetti da coronavirus e per loro è prevista la sorveglianza attiva per monitorare l’eventuale insorgenza di sintomi legati al virus stesso.

Il sindaco esorta al rispetto delle norme

“La situazione è seria, i numeri dei contagi non si arrestano anzi, purtroppo, sono destinati a salire”, ammette con disarmante lucidità il sindaco e dottore Giuseppe Bascialla che preoccupato per le conseguenze su lavoro e occupazione esorta nuovamente gli anziani, categoria più fragile,  a rimanere in casa, a limitare gli  spostamenti e rivolgendo ad adulti e giovani torna ad inviarli ad usare un comportamento responsabile “a rispettare il distanziamento sociale e ad indossare la mascherina, oggi unico antidoto contro il virus”.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia