Prime somministrazioni

Tra una settimana i primi 1620 vaccini Covid in Lombardia

Entro fine anno quella che è già stata definito un avvio "simbolico" della campagna vaccinale contro il coronavirus

Tra una settimana i primi 1620 vaccini Covid in Lombardia
Cronaca Varese, 21 Dicembre 2020 ore 16:02

“Il 27 dicembre al mattino arriveranno  1.620 dosi all’ospedale Niguarda Milano. Da qui verranno distribuite nelle provincie lombarde dove verranno inoculate ai primi cittadini lombardi che fanno parte del mondo sanitario”. Lo ha annunciato oggi, lunedì 21 dicembre 2020, il governatore Attilio Fontana durante la conferenza stampa di fine anno in Regione Lombardia.

Vaccini Covid in Lombardia dal 27 dicembre

Il vaccino sarà quello prodotto da Pfizer, autorizzato oggi dall’Agenzia Europea del Farmaco (Ema. I primi a riceverlo saranno gli operatori sanitari, per poi allargare la campagna vaccinale agli altri cittadini. “In attesa dei primi giorni del prossimo anno quando arriverà una fornitura sostanziale del vaccino”, ha precisato Fontana.

LEGGI ANCHE: Ciocca (Lega): “Vaccino Covid prima ai lombardi, economicamente valgono di più”

In totale 305mila vaccini

Nella nostra regione arriveranno poco meno di 305mila vaccini, così come aveva tempo addietro comunicato il commissario   straordinario all’emergenza Covid-19 Domenico Arcuri.

LEGGI ANCHE: Vaccino Covid: parte il reclutamento di medici, infermieri e assistenti sanitari

Gli hub

Fontana ha spiegato poi che è tutto pronto per la distribuzione. “Esiste già un piano vaccinale che coinvolgerà l’intero territorio – ha spiegato –  Sono già stati individuati i 65 luoghi di stoccaggio per conservare al meglio il virus prima della somministrazione, che potrebbe avvenire anche negli ospedali”.

LEGGI ANCHE: In provincia di Varese e Como 50mila dosi di vaccino anti-Covid

“Nessuna variante inglese”

Sulla variante britannica, Fontana si è detto tranquillo. “Da quello che apprendo non dovrebbe incidere sulla gravità della malattia né sulla distribuzione ed efficacia del vaccino – ha detto – In Lombardia ci siamo  attrezzati, saremo pronti a individuare se necessario pazienti con la nuova variante del virus. A oggi però non abbiamo rinvenuto alcun caso di virus modificato. I cittadini di ritorno dalla Gran Bretagna sono già stati contattati o sono in fase di contatto”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità