Indagini

Strage Mottarone: gli indagati salgono a 12

Due le società coinvolte: si erano occupate di manutenzioni e verifiche sull'impianto prima della tragedia

Strage Mottarone: gli indagati salgono a 12
Cronaca Valli e Laghi, 05 Luglio 2021 ore 10:10

Salgono a 12 gli indagati per il disastro della funivia del Mottarone che lo scorso 23 maggio costò la vita a 14 passeggeri.

Le due società indagate

La procura di Verbania ha iscritto nel registro degli indagati anche i rappresentati della Leitner di Vipiteno, la società leader mondiale degli impianti funiviari che garantiva la manutenzione della funivia di Stresa. Oltre alla Leitner anche la “Ferrovie del Mottarone”, la società che gestisce l’impianto.

LEGGI ANCHE: Funivia Mottarone: forchettoni inseriti su un’altra cabina piena di persone

Le nuove persone indagate

Tra i nuovi indagati ci sono Anton Seeber, presidente del Cda della Leitner, e Martin Leitner, consigliere delegato della società. L’azienda di Vipiteno eseguì i lavori di ammodernamento della funivia fino alla riapertura avvenuta nell’agosto del 2016 ed è titolare di un contratto per la manutenzione della funivia per 130mila euro l’anno. Nell’ambito di questa attività Rino Fanetti, dipendente Leitner ora indagato, realizzò la "testa fusa" della fune traente.

Sono indagati anche i rappresentati della Rvs, della Sateco e della Scf Monterosa, tutte società che hanno eseguito interventi e verifiche sull’impianto prima del 23 maggio scorso.

LEGGI ANCHE: Funivia Mottarone, uno degli arrestati: “Incidente che non capita neppure una volta su un milione”

Ricordiamo che i primi indagati sono stati Gabriele Tadini (l’unico ai domiciliari) caposervizio degli impianti del Mottarone, Luigi Nerini gestore dell’impianto ed Enrico Perocchio, caposervizio. 

Nerini e Perocchio vennero subito scarcerati non senza polemiche.