Opere

Si avvicina la ciclopedonale del Bosco di Valle fra Venegono e Tradate

L'opera costerà complessivamente 460mila euro, di cui 400mila per i lavori a carico della Provincia di Varese

Si avvicina la ciclopedonale del Bosco di Valle fra Venegono e Tradate
Cronaca Tradate, 25 Agosto 2021 ore 10:00

Nuovo passo verso la pista ciclopedonale del Bosco di Valle che collegherà Venegono e Tradate: la Giunta tradatese guidata dal sindaco Giuseppe Bascialla ha infatti deliberato l’avvio del processo di Variante al Pgt che inserirà l’opera nella sua programmazione urbanistica.

Ciclopedonale del Bosco di Valle nel Pgt di Tradate

In attesa che si chiuda la redazione del progetto che sarà consegnato alla Provincia di Varese, Tradate si prepara agli ultimi adempimenti burocratici necessari per la realizzazione dell'opera: "Ora si effettuerà la procedura di esclusione dalla Vas, poi andremo in consiglio comunale", ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Morbi.

Il progetto

Nel frattempo, il tecnico dovrebbe terminare la redazione del progetto che prevede la realizzazione di una pista ciclopedonale sul lato sinistro (venendo da Tradate) della via XI Febbraio e della via Manzoni poi, con l’allungamento dei marciapiedi lungo la strada e l’allargamento del ponte sul Fontanile con una passerella.

Un progetto da 460mila euro complessivi di cui 60mila a carico dei due Comuni per la progettazione e il resto della Provincia per la realizzazione.

Venegono è già pronta

Il passaggio di modifica del Pgt non sarà invece necessario a Venegono Inferiore, che già aveva previsto l’opera (inserita in un accordo per un intervento più ampio, nell'immagine di copertina, da 5 milioni fra i Comuni risalente alla prima decade degli anni 2000 e rinnovato nel 2017).

"E’ un asse di collegamento importante per entrambi i Comuni - rimarca l’assessore ai Lavori Pubblici venegonese Antonio Germanò - che sicuramente andrà a modificare in senso positivo i flussi di traffico tra i due paesi permettendo di deviare il traffico di biciclette dalla strettoia di via Manzoni, che come sappiamo rappresenta una criticità. Inoltre, un percorso ciclopedonale in sicurezza rappresenta un ulteriore incentivo all’utilizzo della mobilità dolce, su cui come Amministrazione stiamo puntando molto investendo anno dopo anno in interventi per la creazione di nuovi tratti di piste ciclabili e sulla sicurezza dei nostri marciapiedi".