Cronaca
Riassuntone

Positivi, contatti stretti, tamponi e quarantene: ecco tutto quello che c'è da sapere

Il test è positivo e non sapete come comportavi? Siete stati a contatto con una persona che ha contratto il Covid? Ecco qualche risposta

Positivi, contatti stretti, tamponi e quarantene: ecco tutto quello che c'è da sapere
Cronaca Varese, 05 Gennaio 2022 ore 16:47

S’impenna la curva dei contagi da Covid-19 in Lombardia e di pari passo alla crescita dei positivi cresce anche l’apprensione e il caos che già da prima di Natale, aveva portato moltissimi cittadini a presentarsi in farmacia o ai punti tampone per sottoporsi ai test.

La corsa ai tamponi

Basta essere stati a contatto con una persona risultata poi positiva per farsi prendere dalla paura di aver contratto il virus: ed ecco che ci si precipita in farmacia o peggio ai punti drive through (dove possono recarsi solo i cittadini muniti di ricetta del medico) per “togliersi il dubbio”.

Senza contare il continuo walzer della normativa che cambia di giorno in giorno mandando in confusione persino i medici di base presi d’assalto, insieme ai farmacisti, da quanti non riescono a trovare risposte.

LEGGI ANCHE: Tamponi e quarantene, Ats: "Sistema sotto pressione ma nessun tilt"

Ecco cosa c'è da sapere

Allora cerchiamo di fare chiarezza, alla luce delle ultime disposizioni introdotte a livello regionale e ufficialmente valide.

SOGGETTO POSITIVO

Partiamo da una certezza: un soggetto positivo deve sempre sottoporsi alla quarantena. Ciò che può cambiare è la durata a seconda della sua situazione vaccinale.

  • Una persona vaccinata con terza dose oppure con la seconda dose somministrata da meno di quattro mesi (120 giorni), sia sintomatico che asintomatico, deve restare in isolamento per 7 giorni (purché risulti asintomatico negli ultimi tre giorni) e potrà concludere la quarantena dopo l’esito negativo di un tampone molecolare o antigenico.
  • Se il soggetto, invece, non è vaccinato oppure ha ricevuto la seconda dose da più di 4 mesi (120 giorni) dovrà restare in isolamento per 10 giorni (purché asintomatico negli ultimi tre giorni) e concluderà la quarantena dopo l’esito negativo di un tampone molecolare o antigenico.

La nota specifica che il tampone, antigenico o molecolare, potrà essere effettuato senza costi nei punti tamponi Asst o dai privati accreditati (ancora in fase di organizzazione) esibendo il provvedimento di isolamento inviato da Ats o la mail di prenotazione di Ats.

CONTATTO STRETTO

Il discorso è invece diverso per quanto riguarda i contatti stretti di un positivo. E qui le cose si complicano già alla definizione di cosa sia un contatto stretto. La nota di Regione aiuta, anche in questo caso, a fare chiarezza.

Il contatto stretto è un convivente, una persona che ha avuto un contatto fisico (stretta di mano, faccia a faccia) a meno di due metri e per almeno 15 minuti, persone che hanno condiviso un ambiente chiuso senza Dpi o mezzi di trasporto entro due posti dal proprio.

Normalmente i contatti stretti vengono contattati da Ats attraverso un sms o una mail dopo essere stati indicati dal soggetto positivo. A questo punto scattano diverse procedure di quarantena, anche in questo caso a seconda della propria situazione vaccinale.

  • In caso di persona sintomatica è necessario rivolgersi subito al proprio medico di base (o pediatra in caso di minori) e presentarsi subito per un tampone molecolare o antigenico.
  • In caso di persona asintomatica invece è esentato dalla quarantena chi ha ricevuto la terza dose, oppure ha ricevuto la seconda dose da meno di quattro mesi (120 giorni) o è guarito dal Covid da meno di quattro mesi (120 giorni). Per queste persone scatta l’autosorveglianza, per cinque giorni, con il solo obbligo di indossare mascherine FFP2 per 10 giorni dall’ultima esposizione.
  • La quarantena scatta invece per chi è vaccinato con seconda dose da più di 4 mesi (120 giorni): sarà di 5 giorni dall’ultimo contatto con tampone negativo, antigenico o molecolare, al termine del periodo (o 14 giorni senza tampone).
  • Il periodo di quarantena sale a 10 giorni in caso di persone non vaccinate o che abbiano effettuato la vaccinazione primaria da meno di 14 giorni. Anche in questo caso al termine del periodo è richiesto un tampone negativo molecolare o antigenico (o 14 giorni senza tampone).

I contatti stretti possono presentarsi per il tampone di “fine quarantena” direttamente nelle farmacie abilitate mostrando il provvedimento di quarantena inviato da Ats.