Cronaca
Legnano

Passaporti falsi ai latitanti: arrestato ex dipendente del Commissariato di Legnano

Al 67enne, andato in pensione nel 2019, è stato sequestrato un Rolex: secondo gli inquirenti sarebbe stato il compenso per i favori fatti

Passaporti falsi ai latitanti: arrestato ex dipendente del Commissariato di Legnano
Cronaca Alto Milanese, 18 Novembre 2021 ore 16:13

Passaporti falsi per i latitanti, nei guai un ex dipendente dell’amministrazione civile del Ministero dell’Interno, in servizio al Commissariato di Legnano.

Passaporti falsi ai latitanti per eludere eventuali controlli

L'uomo, 67 anni, è finito in cella nel troncone toscano della maxi operazione anti 'Ndrangheta messa in atto martedì 16 novembre dalla Polizia di Stato. E' accusato di aver favorito la latitanza di due presunti broker del narcotraffico - Francesco Riitano e Mario Palamara (tuttora ricercato) - fornendo loro dei passaporti falsi grazie al suo ruolo di "pubblico ufficiale" in qualità di "dipendente civile del Ministero dell’Interno in servizio presso il Commissariato di Polizia di Legnano" fino al pensionamento, avvenuto nel 2019. Secondo l’accusa avrebbe confezionato almeno cinque passaporti originali, compilati però con false generalità che sarebbero poi stati utilizzati dai latitanti.

Sequestrato anche un Rolex: il compenso per i favori fatti?

Le forze dell'ordine hanno perquisito l'abitazione del 67enne, sequestrando anche un orologio Rolex che secondo gli investigatori l'uomo avrebbe ricevuto come compenso per i suoi servigi.