Cronaca
Tradate-Venegono

Maxioperazione nei boschi di Tradate a caccia degli accampamenti dei pusher

Trovati e smantellati bivacchi e basi degli spacciatori che si annidano nei boschi

Maxioperazione nei boschi di Tradate a caccia degli accampamenti dei pusher
Cronaca Tradate, 24 Giugno 2021 ore 04:55

Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Locale, Protezione Civile, Anti Incendio Boschivo e unità cinofile al lavoro ieri mattina per passare al setaccio alcune delle zone di maggior "traffico" di pusher e clienti all'interno del Parco Pineta.

Maxioperazione nei boschi di Tradate a caccia di accampamenti

Dopo tante insistenze da parte dei Comuni, del Parco e dei cittadini di tutto il territorio, e in particolare di Tradate e delle due Venegono, mercoledì mattina la Prefettura ha messo in campo insieme alla Questura e al Comando provinciale dei Carabinieri una nuova operazione congiunta all'interno del Parco Pineta contro lo spaccio che da anni imperversa al riparo dei boschi.

WhatsApp Image 2021-06-23 at 16.59.06
Foto 1 di 3
WhatsApp Image 2021-06-23 at 16.58.54
Foto 2 di 3
WhatsApp Image 2021-06-23 at 16.58.54 (1)
Foto 3 di 3

Un'operazione che fa seguito ai continui interventi di pattugliamento e non solo messi in campo dalla Tenenza di Tradate con lo scopo primario, questa volta, di stanare le basi dello spaccio e smantellarle. Un'operazione riuscita, come dimostrano i materiali e i rifiuti recuperati dalle squadre del Parco Pineta, e che ha rialzato la pressione contro la rete di spacciatori e gli acquirenti, alcuni dei quali fermati e segnalati proprio mentre cercavano chi poteva vendergli una dose.

LEGGI ANCHE: I cittadini si riprendono il bosco: primo intervento contro la discarica degli spacciatori nel Parco

Il perlustramento dell'area ha permesso di trovare tende e bivacchi che erano tornati in piena attività dopo il primo lockdown dell'anno scorso e le varie zone rosse e arancioni, che comunque non avevano mai interrotto gli "affari" continuando ad attirare clientela da mezza provincia. E, dal momento che tra i materiali recuperati ci sono state anche cucine di fortuna e sacchi di carbonella, ha confermato che quelle presenze rappresentano un pericolo non solo per tutto quello che ruota "attorno" allo spaccio di sostanze stupefacenti ma anche per l'elevato rischio incendi.

Seguici sui nostri canali