Cronaca
Tutto pronto

Oggi le prime vaccinazioni anticovid per la fascia 5-11 anni all'Ospedale di Circolo

Linee dedicate, pediatri e volontari per rendere le vaccinazioni "a misura di bambino".

Oggi le prime vaccinazioni anticovid per la fascia 5-11 anni all'Ospedale di Circolo
Cronaca Varese, 14 Dicembre 2021 ore 16:18

Anche l'ASST Sette Laghi ha iniziato oggi, giovedì 16 dicembre, ad accogliere i più piccoli tra i vaccinandi, quelli che hanno un'età compresa tra i 5 e gli 11 anni che da giovedì potranno essere sottoposti alla vaccinazione anticovid.

Vaccinazioni anticovid 5-11 anni: l'organizzazione della Sette Laghi

Per loro è stato individuato un percorso del tutto separato da quello per gli adulti. Le vaccinazioni per questa fascia di età, infatti, saranno somministrate al piano terra del Padiglione Santa Maria, nei locali che al mattino ospitano il Punto Prelievi dell'Ospedale di Circolo.

Sei linee vaccinali, attive dal lunedì al sabato dalle 13.00 alle 21.00 e la domenica dalle 8.00 alle 20.00, per oltre duemila vaccinazioni a settimana, già prenotabili sul portale di Regione Lombardia.

Al centro vaccinale saranno presenti i medici della Pediatria dell'Ospedale Del Ponte, diretti dal Prof. Massimo Agosti, in prima linea per promuovere la vaccinazione anticovid.

Accanto al personale sanitario, non mancheranno i volontari della Fondazione Il Ponte del Sorriso, insieme ai clown di Stringhe Colorate e de I Colori del Sorriso, i Supereroi di Cuorieroi per Bambini Eroi e all’Associazione Volontari Ospedalieri AVO: un esercito di professionisti dell'intrattenimento per i più piccoli che si è messo a disposizione per accompagnare i bambini verso questo passo così importante nella guerra contro il Sars-CoV2.

Grazie a loro, i locali che ospiteranno le vaccinazioni saranno un po' più accoglienti e vivaci, per rendere la vaccinazione il più possibile a portata di bambino.

Agosto: "Il Covid può essere pericoloso anche per i bambini"

"Anche in età pediatrica il Covid può dare dei rischi alla salute, sia durante la malattia, come ad esempio le infiammazioni al cuore, le miocarditi, sia nel lungo termine, con l'aumento dei casi di diabete e di infiammazioni alla tiroide - spiega il professor Agosti, Direttore del Dipartimento Donna e Bambino dell'Ospedale Del Ponte di Varese - E' doveroso proteggersi e proteggere i propri bambini, che si possono ammalare e possono trasmettere la malattia. La dose che viene loro somministrata è un terzo di quella degli adulti, da ripetersi dopo circa 20 giorni. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, tutti i vaccini possono provocarli e sono quelli che le mamme ben conoscono, perché comuni a tutti gli altri vaccini. Possono essere sintomi locali come rossore e gonfiore al braccio e sindromi influenzali e di affaticamento che si risolvono al massimo in un paio di giorni".

Il vaccino come uno "scudo magico"

Anche il modo e il linguaggio per spiegare l'importanza della vaccinazione è, ovviamente, diverso per i bambini. A questo ha pensato Il Ponte del Sorriso, realtà dedita proprio al lavoro al fianco dei piccoli ricoverati delle Pediatrie:

"Un bambino all’idea di fare una puntura si spaventa - spiega Emanuela Crivellaro, Presidente della Fondazione Il Ponte del Sorriso - Abbiamo così inventato lo Scudo Magicovid, che il bambino trova rappresentato in un grande pannello all’ingresso e sull’attestato di vaccinazione che abbiamo fatto stampare, una sorta di green pass che gli verrà consegnato. Tutti devono stare al gioco e invece di parlare di vaccino, si racconta al bambino che verrà rivestito di uno scudo magico. Usiamo la fantasia per aiutare il bambino a gestire la paura e a fidarsi del personale sanitario, anche perché dopo tre settimane deve ritornare per il richiamo ed è importante che non gli sia rimasto un brutto ricordo della prima dose".

Bonelli: "Vacciniamo il più possibile"

"Avanti sempre più decisi con la campagna vaccinale - ha commentato il Direttore Generale, Gianni Bonelli - Non lasciamo margini al virus. La nostra Azienda sanitaria si trova ad essere, ancora una volta, tra quelle che accolgono il numero maggiore di pazienti colpiti da covid. Oggi sono 120. Ciononostante il nostro sforzo è massimo per continuare a curare anche tutti gli altri ammalati, internistici e chirurgici. Vacciniamo il più possibile, quindi, per non avere più degenti covid e concentrare così tutti i nostri sforzi nella cura delle altre malattie".

Potenziata tutta la rete vaccinale

Da oggi la campagna vaccinale di ASST Sette Laghi compirà anche altri importanti potenziamenti, raggiungendo il massimo mai registrato nella sua capacità vaccinale, ancora più della primavera scorsa.  Saranno oltre 33mila, infatti, le vaccinazioni somministrate ogni settimana a partire da giovedì.

In particolare, la sede di Rancio passerà dalle attuali 10 linee vaccinali in funzione 8-20 a 12 linee vaccinali attive per 14 ore, dalle 8.00 alle 22.00. Anche la sede varesina delle Aule formazione, con le sue 8 linee vaccinali attive 8-20, resterà in funzione dalle 8.00 alle 22.00.

Nessuna variazione per Angera, che continuerà a vaccinare con 5 linee dalle 8 alle 20, mentre qualche modifica organizzativa riguarderà Tradate, che alle 3 linee in funzione 8-20 aggiungerà due ulteriori linee in funzione solo nei pomeriggi ospitate nel punto prelievi.

Per quanto riguarda invece l'apertura di nuovi centri vaccinali, uno è quello del Punto Prelievi del Padiglione Santa Maria, all'Ospedale di Circolo di Varese, individuato come sede idonea per ospitare le vaccinazioni ai più piccoli. Per loro infatti l'Azienda ha pensato ad una sede dedicata, separata dai percorsi per gli adulti. Il punto prelievi del Santa Maria potrà da solo somministrare 2100 vaccinazioni a settimana, operando con 6 linee vaccinali dal lunedì al sabato dalle 13.00 alle 21.00 e la domenica dalle 8.00 alle 20.00.

L'altro centro vaccinale che sarà attivato a partire dal 17 dicembre è invece quello nel parcheggio dell'Esselunga di Masnago.