Comunità sotto shock

Abusi su una ragazzina, divieto di avvicinamento per l'ex seminarista già espulso dalla struttura di Venegono

Il giovane avrebbe consumato violenza ai danni di una 15enne: il provvedimento è stato emesso dal Gip

Abusi su una ragazzina, divieto di avvicinamento per l'ex seminarista già espulso dalla struttura di Venegono
Cronaca Alto Milanese, 18 Luglio 2021 ore 09:45

Abusi su una ragazzina, provvedimento nei confronti dell'ex seminarista noto a Cuggiono.

Abusi su una ragazzina, Cuggiono sotto shock

La comunità di Cuggiono è sotto shock: il 26enne ex seminarista, conosciuto in paese, ha ricevuto la misura dell'obbligo di allontanamento e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla sua giovane vittima. Si tratta di una ragazzina di 15 anni che avrebbe subìto abusi da parte del giovane. I luoghi da cui ora deve stare lontano sono l'oratorio, la parrocchia e la scuola del paese. Il provvedimento è stato firmato dal Gip Alessandra Clemente che ha rigettato la richiesta di arresto avanzata dal pm Alessia Mantegazzo.

Le reazioni

Tutta Cuggiono si è risvegliata incredula dopo questa notizia. Contattata, la parrocchia conferma tutto, tenendo a precisare però che l'ex seminarista non ha alcun ruolo all'interno della stessa ed è stato in oratorio solo la scorsa estate. Inoltre, appena emerse le segnalazioni, la parrocchia stessa ha subito avvisato la Curia e gli organi giudiziari.

Di ieri la notizia dell'arresto di don Emanuele Tempesta, vicario parrocchiale di Busto Garolfo,  per abusi sessuali su minori, dopo la quale il sindaco Susanna Biondi ha annunciato l'apertura di uno sportello psicologico per chi dovesse averne bisogno.

Espulso a gennaio

Il giovane nel 2019 era entrato in seminario a Venegono Inferiore, scegliendo dopo il diploma la strada religiosa, sostenuto dalla comunità cuggionese di fedeli. Dopo il primo anno, come di prassi, il ragazzo era tornato nella sua parrocchia per trascorrere l'estate. L'estate scorsa, segnata dal Covid, che ha costretto anche gli oratori a regolare in maniera più stringente le proprie attività, con piccoli gruppi. Ed è in quel periodo che si sarebbero consumate le violenze, prima con continui messaggi rivolti alla ragazzina, anche sui social, poi con dei veri e propri abusi sessuali.

"Non appena è emersa, nello scorso mese di gennaio, l’ipotesi di reato a carico del seminarista, il suo percorso formativo seminaristico è stato interrotto e il ragazzo è stato espulso dal seminario - fa sapere l’Arcidiocesi di Milano - Contestualmente, il parroco si è rivolto ai genitori della vittima informandoli dell’ipotesi emersa e informandoli del loro diritto di adire alle vie legali".