Cronaca
Carabinieri

208esimo dalla Fondazione dell'Arma dei Carabinieri, i numeri dell'ultimo anno

Quasi 25mila reati perseguiti nell'ultimo anno in provincia di Varese, 489 gli arresti eseguiti

208esimo dalla Fondazione dell'Arma dei Carabinieri, i numeri dell'ultimo anno
Cronaca Varese, 07 Giugno 2022 ore 09:17

Si è tenuta questo pomeriggio, presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Varese, la cerimonia militare in cui è stato celebrato il 208° Annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Fondazione dell'Arma dei Carabinieri, la cerimonia a Varese

Dopo due anni in cui i festeggiamenti sono avvenuti in formato ridotto a causa della pandemia, quest’anno, alla presenza delle locali autorità militari, civili e religiose, accolte dal Comandante Provinciale di Varese Colonnello Gianluca Piasentin, è stato schierato un reparto di Carabinieri in Grande Uniforme Speciale e uno formato dai Comandanti di Stazione del Comando Provinciale di Varese. Erano presenti i labari delle Associazioni combattentistiche e d’Arma, il gonfalone del Comune di Busto Arsizio, insignito della medaglia di bronzo al valor militare, quello della Provincia di Varese e dei Comuni di Varese, Luino, Gallarate, Saronno e Tradate.

11 foto Sfoglia la gallery

I numeri dell'ultimo anno

Anche nel corso dell’ultimo anno, tra il 1 giugno 2021 ed il 31 maggio 2022, i Carabinieri del Comando Provinciale di Varese, alla guida del Colonnello Gianluca Piasentin, hanno contribuito con discrezione ed elevato spirito di sacrificio, alla sicurezza della provincia.

Sono stati 24.917 i reati perseguiti nell’ultimo anno, con un incremento del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di questi 3.794 sono i reati scoperti, con un’incidenza del 15,2%, sono stati eseguiti 489 arresti (con un incremento del 26,8%) e 4.373 autori di reato sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Da un’analisi dei dati statistici dei reati commessi durante l’ultimo anno, da cui si evince un generale incremento dopo il periodo di chiusura dovuto alla pandemia, è tuttavia da sottolineare, grazie ad una costante attività di prevenzione, un decremento dei reati di incendi dolosi, ricettazione, truffe e frodi informatiche e di quelli inerenti le sostanze stupefacenti.

In materia ambientale, i Carabinieri del Gruppo Forestale di Varese, congiuntamente alle Compagnie dipendenti del Comando Provinciale di Varese, hanno svolto controlli preventivi e repressivi per il contrasto alle violazioni sulle normative di settore afferenti alla tutela del territorio. In tale contesto, sono stati svolti 4.227 controlli all’esito dei quali sono state deferite all’Autorità Giudiziaria di 107 persone e contestate 212 sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 265mila euro.

È stata inoltre messa in atto un’efficace azione di contrasto in materia di traffico dei rifiuti: in particolare sono state controllate 52 aree potenzialmente destinate a discariche abusive e stoccaggio di rifiuti non autorizzati; in materia di deposito incontrollato, gestione illecita ed abbandono di rifiuti, sono stati effettuati 300 controlli, nel corso dei quali sono state deferite all’A.G 20 persone, nonché elevate sanzioni amministrative ammontanti complessivamente ad oltre 100mila euro.

In materia di sicurezza del lavoro e contrasto allo sfruttamento dei lavoratori, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, unitamente alle Stazioni Carabinieri competenti territorialmente, hanno effettuato 188 verifiche, 51 delle quali hanno riguardato i cantieri edili, con un sequestro di 11 aree e la sospensione di 21 attività per ragioni di sicurezza. Sono stati controllati, inoltre, 888 lavoratori, rilevando l’impiego “in nero” di 96 di questi. Nel complesso sono contestate 228 violazioni, deferite all’A.G. 72 persone ed elevate sanzioni per un importo complessivo di oltre 860mila euro.

Di non minor importanza poi l’attività volta a verificare la sussistenza dei requisiti per la regolare percezione del Reddito di Cittadinanza che ha condotto, nell’ultimo anno, all’arresto in flagranza di reato di una persona e il deferimento in s.l. alla Procura della Repubblica di altre 140 persone.

Le operazioni

Tra le principali operazioni portate a termine dall’Arma di Varese, ricordate nel corso della cerimonia, vi sono quella occorsa il novembre 2021 a Gazzada Schianno, da parte dei Carabinieri della Stazione di Azzate, con l’arresto di una persona e la denuncia di un’altra ed il sequestro di ben 224 kg complessivi di sostanze stupefacenti del tipo hashish e marijuana; nel dicembre 2021 l’arresto a Vedano Olona di due persone, resesi responsabili del reato di violenza sessuale nei confronti di due donne, in due distinti episodi, a bordo di un treno, sulla tratta Milano – Varese; infine, nelle aree boschive del luinese, Caronno Pertusella, Sesto Calende, Mornago e Vergiate, nell’ambito dei servizi di contrasto al fenomeno dello spaccio, sono state tratte in arresto complessivamente 22 persone, due sono state denunciate in s.l. e 35 segnalate alla Prefettura di Varese, con il sequestro complessivo di oltre 1 kg di sostanza stupefacente e 20.000 euro in contanti, provento dell’attività illecita.

L'assistenza durante la pandemia

In questi due anni di pandemia, i Carabinieri del Comando Provinciale di Varese, oltre a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, si sono comunque distinti per il servizio di prossimità al cittadino, offrendo assistenza alle persone che in questo periodo si sono trovate in difficoltà: tra le varie iniziative si può ricordare il servizio reso dall’Arma dei Carabinieri per il ritiro della pensione presso gli Uffici Postali per le persone anziane impossibilitate a potervisi recare autonomamente; l’assistenza, da parte dei Carabinieri della Stazione di Dumenza, con il trasporto di medicinali, beni di prima necessità e della corrispondenza alla popolazione del piccolo borgo di Monteviasco, rimasto isolato dal novembre 2018 a seguito dell’interruzione del servizio della funivia; il salvataggio di:

  •  un 51 enne in stato confusionale e ferito, ad Olgiate Olona, si era arrampicato sul tetto di un’abitazione;
  • un 56 enne che, colto da crisi depressiva, presso il cimitero di Busto Arsizio, tentava il suicidio davanti la tomba dei genitori;
  • un 18 enne, affetto da disturbi psichici, a Cittiglio, dopo aver litigato con i propri familiari e posto in essere atti autolesionistici, minacciava di lanciarsi dal tetto della propria abitazione.
  • un’anziana proprietaria di un appartamento a Morazzone, interessato da un incendio, nonché il proprio figlio, rimasti bloccati all’interno dello scantinando.

Nel corso della cerimonia si è proceduto, inoltre, alla consegna di venti ricompense, tra encomi ed elogi concessi dal Comandante del Comando Interregionale “Pastrengo” e dal Comandante della Legione Carabinieri “Lombardia” ad altrettanti militari che si sono distinti nell’assolvimento del servizio d’istituto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter