Attualità
Busto Arsizio

Una panchina rossa contro la violenza sulle donne grazie al CPS di Busto

L'iniziativa in occasione dell'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna

Una panchina rossa contro la violenza sulle donne grazie al CPS di Busto
Attualità Busto Arsizio, 11 Marzo 2022 ore 11:31

In occasione della giornata della donna, 8 marzo 2022, gli operatori e gli utenti del Centro Psico Sociale di Busto Arsizio hanno inaugurato una “Panchina rossa” come simbolo di contrasto alla violenza contro le donne.

Panchina rossa contro la violenza sulle donne

La panchina è frutto del lavoro di alcuni utenti coordinati dalle Tecniche della riabilitazione psichiatrica della nostra équipe, Rossana Bordignon ed Elisa Protasoni, all’interno di un percorso riabilitativo di approfondimento sulla tematica della violenza di genere. Ne è scaturito anche uno scritto riportante le riflessioni emerse dagli utenti durante le discussioni all’interno degli incontri effettuati. Tali riflessioni sono state lette durante l’evento di inaugurazione.

Durante la presentazione, si è ricordato il fatto che ha portato alla nascita della “Giornata internazionale della donna” ovvero l’incendio che, all’interno di una fabbrica newyorchese, ha portato all’uccisione di 40 operaie le quali erano state rinchiuse nella fabbrica stessa come ritorsione allo sciopero indetto dalle lavoratrici che chiedevano condizioni di lavoro migliori e salari più adeguati.

Perchè una panchina rossa

Il rosso diventa il colore simbolo delle “Panchine rosse” chiamate anche “Panchine del rispetto”.

Il progetto nasce da Elina Chauvet , architetto e artista messicana, che nel 2009, a seguito della morte della sorella uccisa dal marito violento, ha avviato il progetto “Zapatos rojos”, ovvero scarpette rosse, come il sangue versato dalle vittime. Vengono posizionate scarpe rosse per le vie e nella piazza principale della città messicana di Ciudad Juarez dove si sono consumate indicibili violenze sulle donne, stuprate e uccise, nella totale indifferenza delle autorità locali ed internazionali. Non è un caso che il termine femminicidio sia stato usato per la prima volta proprio in riferimento a quei fatti messicani.

Le panchine rosse parlano del sacrificio di donne che hanno pagato con la propria vita la fedeltà a se stesse. Non c’è nulla che spaventi di più della forza, del coraggio e delle molteplici capacità di una donna.

Per il CPS di Busto Arsizio questa vuole essere la prima di una serie delle cosiddette “Panchine del rispetto” dedicate a diverse problematiche sociali quali il bullismo, la salute mentale, l’inclusione dei disabili, ecc. sulla quale lavoreranno gli utenti all’interno di gruppi riabilitativi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter