Sport

La Regione punta sullo sport all'aperto: pronto il bando per aree fitness, skate park e campetti

Sono previste due differenti linee di contributo utilizzabili anche per finanziare più progetti: dal basket al corpo libero, dallo skateboard al parkour. Via ai progetti dei Comuni

La Regione punta sullo sport all'aperto: pronto il bando per aree fitness, skate park e campetti
Attualità Varese, 22 Luglio 2021 ore 12:00

Dagli skatepark alle aree fitness, dai capetti da basket alle strutture per il parkour: la Regione spinge sulla promozione degli sport all'aperto con il prossimo bando destinato ai Comuni che sarà pubblicato venerdì 30 luglio.

(Nella foto, l'area fitness realizzata a Venegono Superiore coi fondi del Piano Marshall)

Sport all'aperto: risorse regionali per nuove strutture

Con la chiusura delle palestre e delle strutture al chiuso è aumentato incredibilmente il numero di persone che ha cercato di continuare a fare sport e tenersi in forma sfruttando spazi e strutture all'aperto. E allo stesso tempo, è risultata evidente la loro carenza. E' da queste due considerazioni, unite alla volontà di promuovere la pratica sportiva "libera" che sembra nascere il prossimo bando regionale dedicato ai Comuni: dalle 10 di venerdì 30 luglio, questi potranno presentare domanda per il bando ‘Sport outdoor 2021" dedicato alla creazione di strutture all’aperto. Il contributo a fondo perduto in conto capitale sarà utilizzabile per la pratica dello sport all’esterno (playground) e delle aree attrezzate per lo skyfitness.

LEGGI ANCHE: Area fitness al Pratone di Venegono coi fondi del Piano Marshall

Due linee di contributo

Sono previste due differenti linee di contributo utilizzabili anche per finanziare più progetti: dal basket al corpo libero, dallo skateboard al parkour. Oltre ai contributi per sostenere i vari interventi sulle aree e sulle attrezzature saranno previsti contributi anche per l’integrazione di questi spazi salute con la rete Internet grazie al wi-fi libero.

"L’obiettivo del bando – interviene il consigliere regionale della Lega, Silvia Scurati - è la promozione di nuovi modelli di pratica sportiva all’aperto, sia in autonomia che attraverso le Associazioni e le Società Sportive Dilettantistiche operanti sul territorio, creando esperienze positive di sinergia tra le Amministrazioni pubbliche e le stesse realtà sportive per la gestione e la manutenzione degli spazi. Ancora una volta Regione Lombardia – sottolinea Scurati – interviene in risposta alle esigenze determinate dalla particolare situazione sanitaria e dalle misure di contenimento adottate per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, che hanno costretto alla chiusura di palestre e centri sportivi, soprattutto di chi opera al chiuso, e hanno generato una grande richiesta di spazi all’aperto per lo svolgimento delle attività sportive in sicurezza".

Recupero e valorizzazione delle aree verdi

"Gli interventi previsti – conclude l’esponente della Lega - consentiranno la valorizzazione o la rigenerazione di aree verdi urbane e periurbane, rendendole completamente accessibili, mediante l’allestimento e l’installazione di strutture fisse per lo svolgimento di attività sportiva all’aperto, a corpo libero accessibili ai soggetti con disabilità od alla creazione di aree di playground attrezzate. Un passaggio che vede quindi la Lombardia in prima linea in tutti i campi per una ripartenza concreta e a lungo sostenibile".