Attualità
Mobilità e ambiente

In pochi anni la ciclabile della valle Olona da Legnano fino alla Svizzera

Da Castellanza a Malnate lungo il tracciato della ferrovia della Valmorea, poi fino a Cantello lungo sentieri e strade esistenti

In pochi anni la ciclabile della valle Olona da Legnano fino alla Svizzera
Attualità Valle Olona, 12 Aprile 2022 ore 13:02

Avanti coi lavori lungo la ciclabile della Valle Olona secondo i progetti TI CICLO VIA e MOVE ON.

La provincia di Varese sempre più a portata di bici

La diffusione della mobilità leggera è un argomento prioritario e strategico per la Provincia di Varese perché contribuisce agli obiettivi di sviluppo sostenibile dettati dall’Agenda 2030. In quest’ottica, la Provincia si muove sinergicamente agli altri soggetti del territorio perseguendo:

  •  sviluppo, gestione, promozione di un sistema ciclopedonale provinciale omogeneo e intermodale;
  • mappatura e riprogettazione del territorio anche in base al principio di “fruizione lenta”;
  • diffusione della cultura della mobilità leggera;
  • sperimentazione di esperienze pilota di mobilità leggera.

Sulla base di questi principi i progetti TI CICLO VIA (finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg Italia – Svizzera) e MOVE ON (co-finanziato da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia), implementano una serie di azioni infrastrutturali e non strutturali nel territorio del Corridoio Ciclistico Regionale (n. 16) della Valle Olona, istituendo un laboratorio di mobilità leggera dove sperimentare delle modalità d’azione replicabili anche in altre porzioni di territorio.

Il progetto in Valle Olona

In concreto, nell’arco di pochi anni, la pista ciclopedonale della Valle Olona sarà sostanzialmente completata dal confine con la Città Metropolitana di Milano (Legnano) fino al confine elvetico (Stabio) seguendo in linea di massima, per il tratto da Castellanza fino a Malnate (loc. Folla), il tracciato dell’ormai dismessa ferrovia della Valmorea; mentre per il tratto da Malnate (loc. Folla) a Cantello (loc. Gaggiolo) il percorso di sentieri e strade esistenti.

I rendering della futura pista ciclabile: 

5 foto Sfoglia la gallery

Inoltre, saranno realizzate una serie di attività come percorsi formativi sulla mobilità leggera, sviluppo di un’immagine coordinata e di strumenti comunicativi per la promozione della mobilità leggera e della pista ciclopedonale, mappatura e valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale, attivazione di gruppi di lavoro per l’individuazione e la sperimentazione concreta di buone pratiche di mobilità leggera (bike&walk) sia negli spostamenti quotidiani (lavoro, scuola, ecc.), sia negli spostamenti per svago e tempo libero (cicloturismo, cicloescursionismo, cammino, ecc.).

Gli interventi in corso

Attualmente, dal punto di vista degli interventi infrastrutturali, sono in corso i cantieri relativi alla parte nord della pista ciclopedonale ovvero i lotti 1 e 2 in valle del Lanza tra Malnate e Cantello finanziati dal progetto TI CICLO VIA che da gennaio 2022 procedono regolarmente.

I lavori consistono in opere per la costruzione di una ciclopedonale, oltre che a lavori di ingegneria idraulica e naturalistica, come la ricostruzione delle scogliere; riqualificazione delle passerelle; rispristini degli alvei dei corsi d’acqua; sistemazione di percorsi esistenti, come quello che collega i Comuni di Rodero e Valmorea; messa in sicurezza di ogni parte del percorso nel rispetto dell’ambiente e per tutelare i Cittadini che potranno riappropriarsi della Valle del Lanza a lavori conclusi.

La fine dei lavori è prevista entro la fine dell’anno. Si tratta, infatti, di un progetto complesso che ha visto coinvolti numerosi enti per la sua approvazione e le molteplici autorizzazioni, e che tuttora vede impegnate diverse imprese e figure professionali che lavorano in
sinergia per la costruzione della ciclabile.

"L’impegno di ogni ente coinvolto nel progetto è quello di concludere i lavori il prima possibile garantendo la massima qualità delle operazioni, nel rispetto delle normative vigenti per tutelare l’ambiente e per rendere la Valle del Lanza il più fruibile possibile da parte dei cittadini - concludono dalla Provincia - Per raggiungere questo scopo è necessaria la collaborazione di tutti: è importante non addentrarsi nel cantiere se non si è autorizzati, non entrare nelle aree intercluse aprendo o spostando le recinzioni fino a fine lavori. La Valle del Lanza, in questo momento, è un cantiere ed è fondamentale attenderne la chiusura prima di effettuare passeggiate nel proprio tempo libero, durante le vacanze di Pasqua e ogni altra festività, per non mettere in pericolo la propria sicurezza e quella degli addetti ai lavori".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter