Eventi
Lonate Ceppino

"La pandemia non è finita", sfuma anche quest'anno la festa lonatese

Ancora un anno di stop. Il sindaco: "Vogliamo scongiurare il rischio contagi e proteggere cittadini e volontari"

"La pandemia non è finita", sfuma anche quest'anno la festa lonatese
Eventi Tradate, 02 Ottobre 2021 ore 15:44

 

 

La sindaca: “La pandemia non è ancora finita, vogliamo scongiurare il rischio contagi e proteggere cittadini e volontari” e anche per quest'anno salta la festa patronale. "Vorremmo che ritorni con un evento che rispecchi appieno le nostre tradizioni e la nostra comunità" aggiunge l'assessore Corvezzo. ( nella foto lo schiuma party in una delle precedenti edizioni)

 Sfuma la festa lonatese

 

Prevenire, si sa, è meglio che curare. Questo lo spirito della giunta comunale, che, valutata attentamente la situazione pandemica, ha deciso di far prendere alla tradizionale festa cittadina un ulteriore anno di pausa:

“L’emergenza non è finita. – spiega la sindaca Clara Dalla Pozza – È nostro dovere tutelare le fasce della popolazione più a rischio e non permettere più che i bambini e i ragazzi perdano anche solo un giorno di scuola. Organizzare un grande evento in una situazione incerta come quella che stiamo vivendo è ancora troppo azzardato e siamo certi che la popolazione capirà la nostra scelta.”

Continua l'assessore Renzo Corvezzo:

“La festa cittadina di metà ottobre  è il ritrovo più caro e significativo per tutti i lonatesi. Seguendo scrupolosamente le normative anticovid (com’è da sempre nostra prerogativa) si sarebbe ridotta a poco più che un mercatino di passaggio, con mille punti di controllo e di dispersione degli assembramenti: una festa di privazioni più che di spensieratezza e di voglia di stare insieme. Non è assolutamente questo quello che vogliamo. Come amministrazione comunale, sentiamo forte l’esigenza di proteggere i nostri volontari e i nostri concittadini, ma soprattutto, vorremmo che la festa cittadina ritorni con un evento che rispecchi appieno le nostre tradizioni e la nostra comunità”.