Sport
Basket

La Robur Saronno vince a Malnate, primato matematico

Vittoria al cardiopalma di Gallarate su Varese Academy, rinviata per Covid la gara di Gazzada

La Robur Saronno vince a Malnate, primato matematico
Sport Saronno, 16 Maggio 2021 ore 12:00

La Robur Saronno vince a Malnate e si prende il primo posto matematico. Questo l'esito della terzultima giornata nel girone C di Serie C Gold, un turno "monco" a causa del rinvio della partita tra Mortara e Gazzada arrivato soltanto sabato pomeriggio.

 

La Robur  Saronno vince a Malnate

Pronostici rispettati per i ragazzi di coach Tato Grassi, la Robur Saronno vince a Malnate ed è così certa di avere il primo posto nel girone con due gare d'anticipo. La vittoria contro Valceresio (57-80 il punteggio finale) rende così vana la vittoria di Milano3 che, nel pomeriggio, aveva surclassato a sua volta in trasferta Legnano (59-82). Per la Robur Saronno ennesima prova corale e tutti e quattro i quarti vinti dagli Amaretti, che prendono il largo nel terzo periodo (18-9 il parziale). In un sabato sera con tutti i giocatori a referto, Saronno è guidata sia dall'esperienza della coppia Mariani-Politi (rispettivamente 12 e 15 punti), sia dalla gioventù di Quinti e Pellegrini (entrambi in doppia cifra). Per Saronno, ora, le ultime due partite contro Gazzada e Varese Academy, ininfluenti ai fini della classifica.

 

Gallarate al cardiopalma, un altro passo verso i playoff

In una partita al cardiopalma, Gallarate supera di misura Varese Academy e fa un passo deciso verso i playoff. 57-56 il punteggio finale in una gara dove succede tutto e il contrario di tutto. Dalla fuga di Varese Academy nel primo quarto (10-22) alla reazione del BBG nei successivi due periodi. Alla prestazione super di Matteo Librizzi (26 punti per la guardia varesina), arrivano le repliche di Calzavara, Clerici e Ciardiello che riportano la gara in parità. Il finale, però, è poco adatto ai deboli di cuore. Ciardiello segna il +5 (57-52) ma da lì Gallarate non segna più. Librizzi riporta sotto Varese e la mano di Clerici dalla lunetta trema  per due volte. Ma l'ultimo tiro di Librizzi non trova il fondo della retina e Gallarate può esultare.

 

TORNA ALLA HOME