Superiori

Protesta degli studenti, in 400 sotto Palazzo Lombardia

Non solo scioperi della didattica online, a Milano gli studenti hanno manifestato sotto gli uffici della Regione

Protesta degli studenti, in 400 sotto Palazzo Lombardia
Scuola Saronno, 11 Gennaio 2021 ore 19:46

Oggi più di 400 persone erano sotto al palazzo di Regione Lombardia per manifestare contro la chiusura delle scuole e per richiedere un rientro veramente in sicurezza.

LEGGI ANCHE: Sciopero della Didattica a Distanza: aule virtuali vuote

Protesta degli studenti: “Serve una riforma della scuola”

Durante il presidio c’è stato un flash-mob dell’Unione degli Studenti Milano: “Se non l’avete ricostruita voi, lo faremo noi” recitava lo striscione. L’obiettivo degli studenti è quello di ottenere una riforma della scuola dal basso.

“L’emergenza coronavirus  – afferma Ludovico Ottolina, coordinatore dell’UdS Milano – ha dimostrato che la nostra scuola va ricostruita da zero. Le istituzioni sono complici dell’emergenza scolastica che stiamo vivendo da ormai più di 200 giorni: la nostra scuola va ricostruita, non chiusa”.

Spazi, tamponi e sicurezza

“Rivendichiamo – denuncia Ludovico Di Muzio dell’UDS Lombardia – gruppi classe più ristretti e più spazi, per garantire assunzioni contro il precariato, qualità didattica e sicurezza sanitaria. Tornare a scuola deve significare garantire la salute di tutta la cittadinanza: ci servono tamponi regolari, tracciamento, sistemi di areazione e purificazione dell’aria, presidi medici e termoscanner. Regione Lombardia deve smetterla di ignorare il diritto allo studio, basti pensare ai 3,5 milioni di tagli di quest’anno”.

“Disinteresse e caos programmato da Regione e Governo”

C’è tanta rabbia dopo l’ultimo stop imposto dal Governo e prorogato dalla Regione fino al 24 gennaio, nella speranza che nel frattempo la Lombardia non finisca in zona rossa. In quel caso, il ritorno in classe slitterebbe ancora.

“La Didattica a Distanza – attacca Giovanni Colombo dell’UdS Milano – ha dimostrato che i metodi didattici frontali non funzionano. Basta pensare agli oltre 34mila studenti a rischio abbandono scolastico, alle migliaia di casi di stress, ansie, problemi psicologici. Siamo da troppo vittime del disinteresse e del caos programmato di Regione e Governo”.

Serve un vero e proprio investimento nella scuola e a ciò che le sta attorno: dal diritto allo studio fino ai trasporti. “Anche la scuola prima della pandemia non ci andava bene: bisogna anche ripensare la didattica e la valutazione – conclude Giovanni – che si sono dimostrate fallimentari”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità