Sponsorizzato

Abitudini e stereotipi degli italiani

Abitudini e stereotipi degli italiani
17 Novembre 2020 ore 08:00

Quando si parla di abitudini del popolo italiano, una di quelle principali riguarda un passatempo in modo particolare, ovvero le carte. Ci sono numerosi giochi di carte che sono diffusi da Nord a Sud e che hanno rappresentato per anni e anni uno dei principali passatempi soprattutto durante la stagione estiva.

Ebbene, al giorno d’oggi, un po’ di cose sono cambiate, soprattutto per via del fatto che la tecnologia ha rivoluzionato questo mondo e ha offerto la possibilità di giocare e divertirsi con le carte anche direttamente sul web, prima, e su smartphone e tablet, poi.

Ci sono tante piattaforme online, infatti, che offrono davvero la possibilità di puntare e scommettere in maniera semplice e altrettanto rapida. Ad esempio, si possono trovare portali che permettono anche di giocare con tutti i gratta e vinci, comprese le nuove versioni che sono state lanciate proprio di recente sul mercato. Fondamentale, in questi casi, scegliere un portale che riesce a garantire sempre un alto livello di affidabilità e di sicurezza, avendo ad esempio ottenuto una licenza AAMS o ADM per operare legalmente sul mercato tricolore.

Le abitudini degli italiani che stupiscono gli stranieri

Gli italiani sono sempre particolarmente entusiasti nel momento in cui incontrano qualcuno che parla la loro stessa lingua e provano sempre a dare un aiuto per farlo migliorare. Per un italiano, arrivare in ritardo ad un appuntamento è qualcosa di logico e che non deve portare a innervosirsi poi eccessivamente. Un aspetto assolutamente non condiviso all’estero, dove un ritardo anche di pochi minuti viene ritenuto offensivo.

Gli italiani sono soliti difendere a spada tratta la propria cucina e non vogliono scendere a compromessi quando si tratta di mischiare ingredienti che, per noi, non hanno alcun senso proposti in alcune combinazioni. Basti pensare al ketchup proposto con la pasta negli Stati Uniti, che in Italia viene visto come una specie di sacrilegio. Sempre a proposito di cucina, mai provare a “rovinare” un piatto tipico come la pizza.

Entro i confini italiani, il cappuccino si può bere solamente a colazione. Sembra un’abitudine davvero strana vista dall’estero, dal momento che siamo gli unici che scelgono di non bere il cappuccino in altri orari della giornata. In tante altre nazioni tale bevanda viene consumata praticamente a ogni ora della giornata, insieme a cornetti anche salati.

Gli stereotipi degli italiani

Uno stereotipo che accomuna buona parte del popolo italiano è sicuramente quello nei confronti delle comunità cinesi. Tanti italiani, infatti, nutrono la convinzione che i cinesi, sul territorio tricolore, abbiano intenzione solo ed esclusivamente di pensare ai profitti e non a integrarsi.

Dal punto di vista della comunità cinese, invece, il pensiero principale è che in Italia non ci sia molta voglia di lavorare e che troppe persone si lamentino in maniera eccessiva, anche in termini di frequenza, senza fare davvero nulla per cambiare le cose. Inoltre, una delle cose più criticate della cultura italiana si riferisce alla visione fin troppo pessimistica che c’è del futuro.

Dando un’occhiata agli stereotipi che circolano spesso e volentieri all’estero in merito al popolo italiano, ce ne sono alcuni veramente intramontabili. Ad esempio, quello secondo cui gli italiani sono sempre alla moda. Si tratta di una credenza che hanno un po’ tutti gli stranieri secondo cui, nella maggior parte dei casi, gli italiani sono soliti vestirsi con grande stile, anche solo per andare a fare la spesa o per qualche altra commissione.

Un altro stereotipo legato agli italiani è quello che riguarda il cibo, secondo cui chi arriva dall’Italia ma il caffè, la pizza e la pasta. Si tratta di vere e proprie certezze, viste dall’estero, che corrispondono ad alcuni capisaldi della cucina italiana, famosa per la pizza, la pasta e, di conseguenza, anche il caffè.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia