Politica
Saronno

Saronno, il Bilancio passa al 2023. La Lega: "Dovremo aspettare le elezioni regionali?

Il Carroccio: "Questa scelta è dovuta al fatto che mancano i numeri per approvare il bilancio dell'aumento delle tasse?"

Saronno, il Bilancio passa al 2023. La Lega: "Dovremo aspettare le elezioni regionali?
Politica Saronno, 23 Dicembre 2022 ore 08:30

Come previsto dalle forze di minoranza, il Bilancio di Previsione di Saronno passerà al vaglio del consiglio comunale già a nuovo anno iniziato. La Lega nuovamente all'attacco: "L'amministrazione Airoldi-Gilli si dimostra incompetente nel gestire i fondi che hanno a disposizione".

Di seguito, il comunicato del Carroccio.

Saronno, Bilancio di Previsione al 2023. La Lega all'attacco

L'amministrazione Airoldi-Gilli ha deciso di non approvare il bilancio a dicembre prendendo come scusa la possibilità di allungare i termini per la presentazione dello stesso.

Questa scelta è dovuta al fatto che mancano i numeri per approvare il bilancio dell'aumento delle tasse?

Si sono preoccupati per la reazione della città che si è schierata compatta contro questi aumenti? Hanno paura per le vicine votazioni regionali di metà febbraio che potrebbero portare a un ridimensionamento del centro sinistra? Bloccheranno il bilancio comunale fino a dopo le elezioni regionali per non aumentare le tasse sugli stipendi e sulle case?

E' evidente che la scelta di non approvare il bilancio non è dovuta solo al fatto che i documenti di bilancio sono stati messi a disposizione dei consiglieri dopo i termini stabiliti dal regolamento consiliare. Il termine più lungo era stato richiesto ed ottenuto dal centro sinistra quando sedevano in opposizione. Ora che siedono in maggioranza non hanno più voglia di rispettare tale termine in spregio alle basilari norme repubblicane che prevedono il rispetto delle regole in modo paritario per tutti.

Nel 2020 l'amministrazione Airoldi-Gilli si trovò un bilancio già pronto per l'approvazione entro dicembre, il nostro bilancio. In questi ultimi due anni non sono stati capaci di presentarne nemmeno uno entro fine dicembre.

L'effetto di questo ritardo nell'approvazione del bilancio costerà alla città un ritardo nelle opere pubbliche, infatti finché il bilancio non verrà approvato per intero, il sindaco Airoldi ed il suo assessore D'Amato saranno costretti ad amministrare per dodicesimi. Ciò si tradurrà nel fatto che non vi saranno investimenti superiori a quelli che si possono spendere da un mese con l'altro, andando a detrimento del decoro urbano e della progettualità annuale dei lavori pubblici.

La mancata approvazione del bilancio si tradurrà in un peggioramento della manutenzione degli edifici scolastici che hanno bisogno grandi investimenti continuativi che l'amministrazione Airoldi-Gilli non è in grado di fornire.

L'amministrazione Airoldi-Gilli si dimostra incompetente nel gestire i fondi che hanno a disposizione e già mettono le mani avanti iniziando ad incolpare il Governo che, a detta loro, li costringerà ad aumentare le tasse se non elargirà i soldi. Fino a pochi anni fa un ragionamento di tal fatta non sarebbe stato concepibile all'interno di un Comune lombardo, ma ci si sarebbe rimboccati le maniche invece che attendere l'intervento dello Stato. Le dichiarazioni dell'amministrazione Airoldi-Gilli sono l'emblema dell'assistenzialismo di Stato e della mancanza di intraprendenza nel saper gestire i soldi dei saronnesi.

Seguici sui nostri canali