Menu
Cerca
Politica

"Ora Fontana riferisca in aula. Da traino della nazione siamo lo zimbello d'Italia"

I capigruppo dell'opposizione: "I cittadini lombardi hanno diritto ad avere la massima chiarezza su quanto è accaduto"

"Ora Fontana riferisca in aula. Da traino della nazione siamo lo zimbello d'Italia"
Politica Varese, 23 Gennaio 2021 ore 13:28

In una nota congiunta, tutte le forze d'opposizione del Consiglio Regionale chiedono al Presidente Attilio Fontana di riferire in aula martedì e fare chiarezza sulla questione dei dati errati trasmessi dalla Regione all'Istituto Superiore di Sanità che ha determinato il passaggio in zona rossa la scorsa settimana.

LEGGI ANCHE: L’errore su zona rossa e zona arancione? Si contavano come ancora positivi anche i guariti

"Fontana riferisca in aula"

Di seguito la nota congiunta firmata dai capigruppo dell'opposizione Fabio Pizzul (PD), Massimo De Rosa (Movimento 5 Stelle), Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti), Michele Usuelli (+Europa Radicali), Patrizia Baffi (Italia Viva), Niccolò Carretta (Azione).

"Il vaso è colmo per tutta l'opposizione del Governo di Lombardia. L'opposizione del Consiglio regionale, il giorno dopo le lunghe ore di tensione per accertare la responsabilità di Regione sulla beffa dei parametri sbagliati su cui si era basata l'imposizione della zona rossa, chiede che il Governatore Fontana venga martedì a riferire in Aula.

Dopo gli errori nella gestione dell'emergenza, ora siamo alla confusione nella gestione dei dati che ci fa pagare il prezzo, economico e psicologico, di una settimana in zona rossa. I cittadini lombardi hanno diritto ad avere la massima chiarezza su quanto è accaduto: tutto questo grava sulla pelle dei cittadini e su tutto il tessuto produttivo della Lombardia, con bar, ristoranti e imprese e scuole secondarie chiusi a causa della zona rossa.

Fontana e il neo assessore Moratti devono presentarsi martedì in Consiglio e riferire su quanto accaduto. Così non è più possibile andare avanti, da traino della nazione siamo diventati lo zimbello dell'Italia, adesso basta".

TORNA ALLA HOME