Marina Lazzati: “Un campus universitario nell’ex area Ikea”

L'ex sindaco torna a rilanciare l'idea di un Polo tecnologico nell'area compresa tra Cerro Maggiore, Legnano e Rescaldina.

Marina Lazzati: “Un campus universitario nell’ex area Ikea”
20 Gennaio 2020 ore 15:32

Marina Lazzati, ex sindaco ed ex esponente della Lega ora nel movimento Grande Nord di Cerro Maggiore rilancia l’idea: “Un polo universitario, con negozi e strutture nell’area dove doveva arrivare Ikea”. E attacca la Giunta: “Non fa nulla per rilanciare il paese”.

Marina Lazzati: “Campus universitario”

L’idea circolava da parecchio ed era uno dei cavalli di battaglia della sua Giunta comunale. E ora Marina Lazzati, storico ex sindaco di Cerro Maggiore ed ex esponente di spicco della Lega ora nel movimento Grande Nord, torna a riproporla. “Tutti si ricorderanno il Polo tecnologico approvato dalla mia giunta negli anni 2000 – Si tratta di un’ampia zona agricola al confine tra Castellanza e Legnano, a cui avevamo dato una bassa edificabilità e che sarebbe dovuta diventare un polo tecnologico di eccellenza, un progetto che aveva vinto premi anche a livello nazionale. Purtroppo le giunte passano e la successiva Amministrazione comunale decise di farci un megacentrocommerciale con aggiunta di Ikea. Se dopo oltre 20 anni non è stato fatto ancora nulla qualcosa vorrà dire. Allora perchè nn pensare di fare di quella zona un campus universitario – prosegue Lazzati -, con negozi e residenze per studenti e ostelli per la gioventù così da farlo diventare centro di attrazione e aggregazione per i giovani? Certo, bisogna muoversi, dialogare anche con i paesi e le città vicine (Legnano, Castellanza, Rescaldina), contattare la Regione e i potenziali stakeholders (università, anziende). Questo, secondo me, darebbe realmente una svolta a Cerro Maggiore e a tutto l’Altomilanese. La proposta al sindaco l’ho fatta, spetta a loro, come rappresentanti di tutti i cittadini, metterla in pratica. Bisogna muoversi, Cerro non si deve fermare”.

Le stoccate alla nuova Giunta

“Vorrei parlare un po’ di come si trova Cerro dopo oltre due anni di Amministrazione del sindaco Berra – afferma Lazzati – Dispiace constatare che,oltre a ben poca ordinaria amministrazione, nulla è stato fatto per rilanciare uno dei più grandi paesi dell’Altomilanese. Anche l’opposizione, che dovrebbe essere da pungolo all’Amministrazione sulle questioni importanti del paese, si appiattisce e si adegua al non fare. Mi si permetta una battuta: se a una Giunta sonnacchiosa si aggiunge un’opposizione soporifera, Cerro non può che essere un paese dormitorio. Ma criticare non serve a nulla, ecco perchè ho fatto la mia proposta di Polo tecnologico d’eccellenza”.

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE