Mobilità

La crociata della Regione contro i monopattini: "Mobilità sostenibile non è sinonimo di sicurezza"

La proposta di regolamentazione continua a far discutere, soprattutto per il divieto agli under18

La crociata della Regione contro i monopattini: "Mobilità sostenibile non è sinonimo di sicurezza"
Politica Varese, 09 Settembre 2021 ore 13:40

L'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, è intervenuto alla XXV edizione della conferenza internazionale 'Living and walking in cities- Lwc', organizzata dall'Università di Brescia. Il tema dell'incontro sono stati i "nuovi scenari per una mobilità sicura in ambito urbano". Ovviamente, si è toccato anche il tema dei monopattini elettrici, per i quali la Regione ha proposto la scorsa settimana al Parlamento una legge.

Monopattini, De Corato: "Serve compromesso fra mobilità sostenibile e sicurezza stradale"

L'assessore ha evidenziato che è ormai "indispensabile trovare un compromesso tra mobilità sostenibile e sicurezza stradale. L'emergenza sanitaria ha imposto misure di contenimento degli spostamenti ed ha al tempo stesso creato le basi per il veloce sviluppo di nuovi mezzi di mobilità: i dispositivi di micromobilità. I numeri parlano chiaro. Basti pensare che in Lombardia dallo scorso anno ad oggi sono stati registrati da AREU migliaia di interventi a seguito di richieste di soccorso per incidenti in monopattino. Caso emblematico Milano dove si sono registrati 663 incidenti da giugno 2020 a oggi".

"I sinistri si susseguono, quotidianamente, in modo preoccupante - ha sottolineato l'assessore regionale alla Sicurezza - il 12 giugno 2020 è stato registrato il primo morto in Italia per incidente in monopattino, falciato da un'auto mentre si recava al lavoro. Qualche mese dopo è toccato ad una mamma, finita sotto un TIR. L'ultimo tragico evento riguarda la morte di un ragazzino di tredici anni a Sesto San Giovanni".

"Mobilità dolce non è sinonimo di mobilità sicura"

"Mi sembra dunque più che evidente - ha ribadito l'assessore - che mobilità dolce non è da considerarsi sinonimo di mobilità sicura. I monopattini, infatti, presentano criticità e rischi per tutti gli utenti della strada, e hanno l'ulteriore aggravante di non essere muniti né di targa né di assicurazione. Per questo come Regione Lombardia abbiamo ritenuto indispensabile intervenire con una proposta di legge al Parlamento con la quale punta a colmare, almeno in parte, il vuoto legislativo attuale. Tale proposta, è stata approvata lo scorso lunedì in Giunta. In particolare - ha concluso - abbiamo previsto il divieto di utilizzo dei monopattini elettrici per i minori di 18 anni, introducendo l'obbligatorietà del casco e di un'assicurazione di responsabilità civile verso terzi per tutti i monopattini circolanti".

Le critiche alla proposta

Una proposta che ha subito fatto discutere soprattutto per il divieto di utilizzo sotto i 18 anni, sotto i quali si può circolare (previo esame di patente e verifica della conoscenza del Codice della Strada, non previsti per i monopattini elettrici nella proposta lombarda) con motorini di 50cc (dai 14 anni) e 125cc (dai 16), oltre che con le minicar elettriche di pari potenza. Ma anche per il reale "peso" dei dati: il Comune di Milano nel corso del 2020, quindi considerando i mesi di lockdown che hanno pressoché azzerato il traffico, ha contato 273 incidenti con monopattini, di cui 249 con feriti. Per le biciclette, 961 con 884 feriti, senza che nessuno proponga divieti anagrafici o obblighi assicurativi.