Politica
Saronno

"Flop sportivo e ambientale": la Lega sfodera i dati Arpa contro la manifestazione ciclistica Criterium

Niente auto in centro ma tante, troppe, bloccate nel traffico tutt'attorno a causa della chiusura delle strade. E armati dei dati Arpa, dalla Lega attaccano "l'ecologismo di facciata" dell'Amministrazione

"Flop sportivo e ambientale": la Lega sfodera i dati Arpa contro la manifestazione ciclistica Criterium
Politica Saronno, 22 Ottobre 2021 ore 10:37

Dopo Ascom Saronno ieri, che ha lamentato un pesante effetto negativo per il commercio, anche la Lega di Saronno attacca frontalmente Criterium, la manifestazione ciclistica tenutasi sabato scorso in centro a Saronno. E lo fa puntando al cuore della manifestazione, l'ambiente.

Criterium, per la Lega "un flop ambientale"

Un "flop ambientale". Criterium bocciato senza riserve anche dall'opposizione che dalla sua porta i dati Arpa sulla qualità dell'aria rilevati sabato in occasione della manifestazione ciclistica. "Sabato in corrispondenza con il Criterium c'è stato un picco di inquinamento - evidenziano - Le cervellotiche chiusure al traffico di metà Saronno e l'assenza di parcheggi ha creato un traffico di automezzi eccessivo nell'altra metà di Saronno aumentando l'inquinamento atmosferico".

I dati

Una premessa: l'inquinamento atmosferico non è come una lampadina accesa, che si spegne da un momento all'altro schiacciando un interruttore. Specialmente in pianura padana dove la stessa orografia impedisce all'inquinamento di esser "soffiato via" dai venti.

D'altro canto, però, è anche vero che con una giornata senz'auto ci si aspetterebbe di vedere, almeno nelle stazioni di rilevamento nei punti privati dalle auto, un miglioramento. Ma così non è stato.

"La stazione di rilevamento di viale Santuario ha registrato una qualità dell’aria ben peggiore nella giornata di sabato, con mezza città bloccata, rispetto a venerdì, con tutte le attività lavorative aperte unitamente alle scuole - sottolineano dal Carroccio  I dati sono accessibili a tutti. Prendiamo come riferimento il famigerato PM10: il 9 ottobre, il sabato precedente alla corsa ciclistica, il valore di PM10 si attestava su 23 micro grammi per metro cubo d’aria (qualità dell’aria definita buona), valore che saliva a 32 microgrammi per metro cubo nella giornata dì venerdì (aria considerata accettabile, a livello qualitativo), per esplodere nella giornata dì sabato 16 in corrispondenza con il Criterium, arrivando a 38 microgrammi per metro cubo, regalando a Saronno un’aria la cui qualità è definita scarsa. Ben 15 microgrammi in più rispetto a un normale sabato".

"Risultati dell'ecologismo di facciata"

La Lega punta quindi il dito contro l'Amministrazione: "Il tutto nel giorno del trionfo dell’ ecologismo dì facciata. È tipico degli ecologisti di sinistra, rappresentati dall’assessore Casali, vivere di slogan che poi si scontrano con una realtà ben diversa. Questi 'verdi' propongono interventi o eventi di facciata, buoni solo a placare la loro coscienza e a gonfiare il loro ego, con un impatto nullo sulla situazione reale, quando non hanno un impatto negativo, come nella giornata dì sabato. Esattamente come quando vaneggiano dei vantaggi della propulsione elettrica senza minimamente considerare i danni provocati all’ambiente dell’estrazione e dello smaltimento dei materiali di cui le batterie dei loro amati monopattini (vero Sindaco Airoldi?) o delle loro auto. Un ecologismo totalmente inconcludente, ma da portare avanti a qualsiasi costo per mera propaganda, ivi compreso il danno economico alle attività commerciali di una città: per ogni riferimento rimando al comunicato di Ascom".