Menu
Cerca
Varese

Festa del Lavoro? “Giovani varesini in fuga. Presto la città dovrà ripartire da zero”

Alberto Nicora (Lega Giovani): "Oggi la città non offre opportunità ai giovani. All'ex Aermacchi si sarebbe potuto fare un laboratorio di innovazione, invece Galimberti ci mette un supermercato"

Festa del Lavoro? “Giovani varesini in fuga. Presto la città dovrà ripartire da zero”
Politica Varese, 01 Maggio 2021 ore 10:33

Il coordinatore della Lega Giovani cittadina Alberto Nicora lancia un appello in occasione della Festa del Lavoro, sottolineando come la situazione nella nostra città, soprattutto per i giovani, sia preoccupante.

Festa del lavoro? “A Varese poco da festeggiare”

“Oggi c’è ben poco da festeggiare per Varese: sempre più giovani varesini sono infatti costretti a lasciare la nostra città, dove non riescono a trovare condizioni lavorative favorevoli, per andare ad arricchire il tessuto produttivo di Milano, Como o della vicina Svizzera, che rappresentano realtà relativamente vicine e decisamente più appetibili” spiega Nicora.

“Questo accade – sottolinea – perché al momento Varese non è in grado di fornire adeguate opportunità per l’occupazione giovanile, soprattutto per assenza di visione e progettualità. Un esempio emblematico è il caso dell’area dell’ex Aermacchi, che sarebbe stato un luogo ideale per la creazione di un incubatore per start-up per contribuire al rilancio dell’economia cittadina, ma che l’amministrazione preferisce sia trasformata nell’ennesimo supermercato”.

“Dall’Amministrazione visione priva di coraggio”

“Questa visione priva di coraggio rischia di affossare del tutto l’intraprendenza e la voglia di fare che pure in città abbondano, ma che non vengono minimamente incentivate. In sostanza – conclude citando lo stesso slogan dell’amministrazione – invece che una Varese che riparte davvero avremo presto una Varese che dovrà ripartire da zero”