Politica
Politica

Estate "povera" di eventi, Obiettivo Saronno: "La normativa sulla sicurezza ferma solo noi?"

Le spiegazioni fornite dall'Amministrazione non convincono Obiettivo Saronno. Anche perchè, negli altri Comuni, si è già al lavoro per gli eventi estivi

Estate "povera" di eventi, Obiettivo Saronno: "La normativa sulla sicurezza ferma solo noi?"
Politica Saronno, 02 Giugno 2022 ore 11:41

Pochi eventi, niente Notte Bianca e iniziative ancora in forse: Saronno si avvicina a un'estate ancora sottotono, non per il Covid ma per le normative sulla sicurezza. Una spiegazione fornita ieri sera in Commissione Cultura che però non convince i consiglieri di Obiettivo Saronno. Di seguito il comunicato del gruppo.

Estate "povera", Obiettivo Saronno: "La peggiore auspicabile per i saronnesi"

Le voci giravano ormai da tempo ma erano così assurde che abbiamo cercato di non crederci.

Ieri durante la Commissione Cultura è arrivata, invece, la conferma: quest'anno sarà la peggior estate auspicabile per i Saronnesi. I motivi sono semplici: la consueta notte bianca non si farà, il programma della maggior parte degli eventi è ancora un grande “forse”, i tradizionali Giovedì serali verranno semi distrutti dal momento che la collaborazione con i commercianti rasenta lo zero.

Essendo ormai il Covid una scusa non più vendibile, la guerra una poco credibile e l'invasione marziana solo fantascienza, la nuova scusa è il fantomatico piano della sicurezza, ovvero il rispetto di una normativa che fu resa più stringente con gli eventi di Torino di qualche anno fa, che impedisce di fare eventi ... solo a Saronno!

In tutti i paesi limitrofi e nelle città della zona sono già pronti calendari seri e concreti e non "idee da formalizzare" o confermare; anche queste realtà seguono le stesse normative ma probabilmente non sono chiuse come la città dell'amaretto oppure hanno utilizzato il tempo del Covid per lavorare in tal senso.

Crediamo che anche questa situazione sia imputabile al fatto che l'assessorato al Commercio e quello alla Cultura sono due entità distinte che non comunicano e che proponemmo di unire in un unico assessorato a tempo debito, senza essere ascoltati: queste sono le due principali anime che fanno vivere la città e non possono essere gestite come due binari paralleli con, da una parte, un commercio che attende da mesi risposte dall'assessore sul futuro del DUC e che, oltre a fare inutilmente la passerella tra qualche commerciante, non fa, e dall'altra parte eventi di elite che raccolgono le solite poche persone.

"Bocciati"

Se questa è l'attrattività della città e il marketing territoriale che ha in mente l'assessore alla Cultura il parere è presto detto: bocciati. In commissione cultura Obiettivo Saronno ha chiesto se le associazioni coinvolte fossero solo tre scuole di musica e purtroppo la risposta è stata affermativa: tutto ciò dopo che nella relazione al bilancio previsionale 2022 l'amministrazione ha parlato di una sinergia con le associazioni per l'organizzazione estiva e dopo che Obiettivo Saronno ha proposto di fare un bando pubblico aperto a tutte le associazioni per poter partecipare e collaborare per la realizzazione degli eventi.

A questo punto, forse, è stato meglio tenere le porte aperte solo a poche persone, così che chi ha la volontà di costruire veramente una città viva e attrattiva, non sia stato rimbalzato dalla burocrazia di un piano della sicurezza che schiaccia solo Saronno per volere politico, mancanza di partecipazione e idee.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter