Politica
Regione

Droni, metal detector e piste ciclabili contro spaccio e degrado nelle stazioni e nel Parco Pineta

Brianza: "Chiediamo un maggiore sforzo per presidiare e videosorvegliare soprattutto le stazioni ferroviarie e di intensificare la collaborazione con le forze dell’ordine contro lo spaccio e per monitorare il fenomeno delle mafie straniere purtroppo in forte espansione"

Droni, metal detector e piste ciclabili contro spaccio e degrado nelle stazioni e nel Parco Pineta
Politica Tradate, 23 Marzo 2022 ore 13:59

Votata in Consiglio Regionale la risoluzione che impegna il Presidente e la Giunta regionali a farsi parte attiva presso il Governo e i ministri competenti per promuovere e realizzare azioni di prevenzione al traffico di stupefacenti e sostanze psicotrope sul territorio lombardo. Fenomeni che, per il Tradatese, riguardano in particolare le stazioni ferroviarie e le aree boschive interne al Parco Pineta.

Spaccio e degrado, risoluzione in Consiglio

“La lotta al consumo di tutte le droghe è sempre stato un obiettivo prioritario delle nostre politiche regionali. Oggi, con la preoccupante diffusione delle nuove micidiali sostanze, reperite soprattutto dai giovanissimi nel dark web anche tramite l’utilizzo di vettori di consegna non convenzionali, abbiamo la necessità di dotarci di nuove strategie. Anche nel Varesotto ci sono zone dove lo spaccio e il degrado rappresentano una piaga preoccupante. Con questo provvedimento, intendiamo mettere in campo strumenti efficaci per rispondere ad un’emergenza sociale che in più occasioni abbiamo cercato di risolvere”.

Lo ha dichiarato la Vicepresidente del Consiglio regionale Francesca Brianza commentando la risoluzione, votata ieri (martedì 22 marzo) dall’aula seduta odierna di Consiglio regionale, che impegna il Presidente e la Giunta a farsi parte attiva presso il Governo e i ministri competenti per promuovere e realizzare azioni di prevenzione al traffico di stupefacenti e sostanze psicotrope sul territorio lombardo.

"Più sforzi contro spaccio, insicurezza e mafie straniere"

“Con il voto di oggi - ha continuato Brianza - chiediamo un maggiore sforzo per presidiare e videosorvegliare soprattutto le stazioni ferroviarie, gli spazi comuni, le sale di attesa e di intensificare la collaborazione con le forze dell’ordine affinché possano avvalersi di strumentazioni tecnologiche quali droni, metal detector, rilevatori di sostanze stupefacenti e per monitorare il fenomeno delle mafie straniere purtroppo in forte espansione”.

Un pista ciclopedonale contro lo spaccio nei boschi

“Per quanto riguarda il nostro territorio - precisa Brianza - nella risoluzione votata dall’aula, abbiamo portato all’evidenza alcune situazioni caratterizzate da pericolosità sociale. In particolare, oltre alle stazioni ferroviarie, alcune zone del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate sottolineando come, la realizzazione di una pista ciclo-pedonale che affianchi la strada e completata da adeguati parcheggi, possa contribuire a ripopolare la zona favorendone quindi un maggior controllo”.

“L’impegno della Regione - prosegue - va ad implementare le politiche incentrate sulla sicurezza già avviate attraverso una apposita convenzione siglata lo scorso anno con il Comune di Tradate, che prevede maggiori pattugliamenti nelle zone verdi del Parco della Pineta coinvolgendo anche i Comuni di Venegono Superiore e Inferiore”.

“Questo strumento - conclude Brianza - si pone l’obiettivo di affrontare l’emergenza a 360 gradi non solo quindi attraverso l’impiego di nuove tecnologie e migliorando la sinergia con le forze dell’ordine, ma coinvolgendo attivamente la popolazione mediante la realizzazione di infrastrutture che permettano ai residenti di riappropriarsi delle zone boschive togliendole di fatto al controllo degli spacciatori”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter