Menu
Cerca
In consiglio

Doppia interrogazione a Tradate: cosa si è fatto dopo la mozione antispaccio?

Le minoranze chiederanno al sindaco cosa sia stato fatto a un mese dalla mozione per rispettare gli impegni chiestigli dalla sua maggioranza

Doppia interrogazione a Tradate: cosa si è fatto dopo la mozione antispaccio?
Politica Tradate, 21 Maggio 2021 ore 09:28

I gruppi di minoranza a Tradate Pd, Partecipare Sempre e Innovazione Civica hanno presentato una doppia mozione per il consiglio comunale di venerdì 28 maggio.

Doppia interrogazione a Tradate

Entrambe le mozioni fanno seguito alla discussa mozione presentata a metà aprile in cui si chiedeva al sindaco Giuseppe Bascialla di concentrare gli impegni della Polizia locale contro lo spaccio e potenziare il servizio del "Vigile di Quartiere".

Prevenzione

La prima si concentra sulla prevenzione e l'educazione che, specie nella popolazione scolastica, sono fondamentali per impedire che uno studente si avvicini agli stupefacenti. Specialmente in questo periodo, con la pandemia che ha acuito enormemente i fenomeni di disagio e sofferenza nei più giovani come rilevato anche dall'ultima indagine del Cesvi.

"Quali progetti di prevenzione e di contrasto all’uso di sostanze stupefacenti e dipendenze sono inseriti nel Piano di Zona dei Servizi Sociali - chiedono i consiglieri al sindaco -  se sono attive iniziative in collaborazione con Scuole o altri Enti o Associazioni, se è intenzione dell’Amministrazione implementare i progetti e le iniziative in tal senso anche da parte del Comune".

Polizia locale

La seconda interrogazione invece chiede di capire quali passi concreti siano stati fatti a un mese di distanza da quella mozione da parte del sindaco, delegato alla Polizia locale, nella direzione chiesta dalla sua maggioranza. In particolare, si impegnava il primo cittadino a "impartire al Comando di Polizia Locale del Comune le necessarie direttive affinché ogni priorità sia data al contrasto della criminalità legata allo spaccio delle sostanze stupefacenti" e di "ad attivarsi al fine di ottimizzare e potenziare la figura del Vigile di Quartiere".

Ora Pd, Partecipare Sempre e Innovazione Civica chiedono quindi se sia stato predisposto un piano per la realizzazione di quel proposito, "con quale contenuto e con quali modalità sarà realizzato, quali servizi verranno ridotti per dare spazio a questa iniziativa, quale attività formativa è prevista per gli agenti di Polizia Locale".

Mentre sul Vigile di Quartiere, "se è stato predisposto un piano relativamente a questo servizio, se siano stati identificate le zone in cui opereranno, con quale copertura oraria, quali mezzi saranno utilizzati, quanti agenti saranno utilizzati, quale attività formativa è prevista per gli agenti di Polizia Locale".

E infine, se la sede distaccata del comando ad Abbiate Guazzone, realizzata negli anni scorsi nella ex sede dell'associazione Combattenti e Reduci di via Leonardo Da Vinci e costata circa 50mila euro: "E' garantita la presenza degli agenti di polizia locale nell’ufficio distaccato di Abbiate? In quali giorni settimanali ed orario?".