Seduta online

Consiglio comunale online a Saronno, tre consiglieri disertano: “Pretesa inaccettabile”

Negozi e palestre sono riaperti da tempo, il consiglio comunale resta chiuso: domani seduta via web ma non tutti ci saranno

Consiglio comunale online a Saronno, tre consiglieri disertano: “Pretesa inaccettabile”
Saronno, 29 Giugno 2020 ore 17:51

I consiglieri di opposizione Alfonso Indelicato, Paolo Riva e Davide Vanzulli non parteciperanno al prossimo consiglio comunale online di Saronno in programma per domani, martedì 30 giugno.

Consiglio comunale online, i consiglieri: “Il Covid non c’entra”

Continueranno ad essere online le sedute del consiglio comunale di Saronno. Finita ormai da tempo la fase di emergenza e iniziata da quasi due mesi la fase 2 che ha portato i cittadini a tornare al lavoro e a frequentare i locali pubblici, la sala consiliare del Comune resta chiusa, a Saronno. Una decisione cui i consiglieri di opposizione Indelicato, Riva e Vanzulli hanno deciso di opporsi non partecipando all’assise virtuale di domani.

“Abbiamo riflettuto sulla pretesa della Lega saronnese di svolgere il prossimo Consiglio comunale in video conferenza – spiegano –  e l’abbiamo trovata immotivata e pertanto inaccettabile. L’attuale contingenza della pandemia, che sta vedendo in queste ultime settimane un significativo allentamento delle misure di precauzione previste per decreto, consente di effettuare le sedute in presenza in condizioni di sicurezza, con l’adozione delle usuali cautele (mascherina e distanziamento). Risulta d’altronde che i Consigli comunali tenuti nel presente periodo nei comuni limitrofi si svolgono in presenza fisica, pur non essendo disponibili sale consiliari ampie come la saronnese Sala Vanelli”.

Online basta un click per gestire l’aula

Il sospetto è dunque che l’emergenza Covid c’entri ben poco. Secondo i consiglieri le ragioni della seduta online sarebbero ben altre, come già aveva temuto Indelicato poche settimane fa e a seguito di due consigli comunali “turbolenti” dove a colpo di click era stato anche “cacciato” l’indipendente Francesco Banfi:

“Considerate queste premesse, nonché l’esperienza dei due più recenti consigli, dobbiamo ritenere che le motivazioni della Lega saronnese nel prediligere modalità on-line, vadano identificate in una sua maggiore possibilità di controllare e inibire eventuali obiezioni e riserve, smorzando il confronto tra le parti politiche – continuano – A tutto questo si aggiunge la farraginosità della procedura che, come da perentoria comunicazione del Presidente del Consiglio comunale, dalla prossima riunione prevederà necessariamente l’utilizzo di cuffia e altoparlante.

Tutto ciò considerato abbiamo deciso di non partecipare alla seduta consiliare prevista per il 30 p.v. con prosecuzione nei giorni successivi, nell’auspicio che venga al più presto ristabilita la normalità delle operazioni consiliari e conseguentemente dei momenti decisionali e delle relazioni politiche cittadine”.
TORNA ALLA HOME
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia