Menu
Cerca
Valle Olona

Castellanza, approvato il bilancio dell'Azienda Consortile Medio Olona

Cinque anni fa il Comune si preparava ad uscire dalla società che versava in stato critico. Ora, dopo anni di ristrutturazione e riassetto, è diventata una risorsa per il territorio

Castellanza, approvato il bilancio dell'Azienda Consortile Medio Olona
Politica Valle Olona, 10 Maggio 2021 ore 10:43

L’approvazione nell’ultimo Consiglio Comunale del piano programma e del bilancio preventivo dell’Azienda Consortile è stata l’occasione per fare un bilancio delle attività portate avanti dall’attuale Amministrazione di Castellanza in questi cinque anni, attività che hanno portato il comune di Castellanza ad assumere nuovamente un ruolo centrale nel territorio dell’ambito della Valle Olona in tema di servizi sociali e che hanno ancora una volta evidenziato la necessità di una stretta collaborazione tra le amministrazioni del territorio nella programmazione e gestione dei servizi.

Castellanza, dall'uscita al risanamento dell'Azienda Consortile

Quando si è insediata l’attuale Amministrazione, a giugno 2016, il comune di Castellanza aveva in sospeso la stipula di una convenzione che doveva regolamentare l’uscita dall’Azienda Consortile.

“Grazie al confronto con l’assessore ai Servizi Sociali uscente, Matteo Sommaruga, - dichiara Cristina Borroni, vice sindaco e assessore alle politiche sociali della Città di Castellanza - che ringrazio per la disponibilità, abbiamo potuto renderci conto da subito di quali fossero le difficoltà e le criticità che avevano portato ad una scelta così drastica, dopo essere stato il comune promotore della nascita dell’Azienda.”

La situazione di allora dell’Azienda era davvero molto complicata: da tempo mancava un direttore; vi era un problema di sovrapposizione della rappresentanza politica, per il fatto che sia l’Assemblea dei Soci che il Consiglio d’Amministrazione prevedevano la presenza degli amministratori, rispettivamente dei sindaci e degli assessori ai servizi sociali; il personale era ridotto all’osso, essendo presenti soltanto un’amministrativa e un assistente sociale.

Condividendo in pieno le motivazioni che avevano portato alla scelta di uscire, l'Amministrazione ha avviato una fitta interlocuzione con tutti gli amministratori dell’ambito per cercare le soluzioni ai diversi problemi e mettere l’Azienda nelle condizioni di poter funzionare.

Ad aprile 2017 viene assunto, con bando di concorso, un direttore e a ottobre 2017 contestualmente all’approvazione nell’Assemblea dei soci del nuovo Statuto che ha previsto la composizione di un Consiglio d’Amministrazione non più politico ma tecnico e che ha sancito nuovi criteri di rappresentanza nell’Assemblea dei Soci. L'Amministrazione, che nel frattempo aveva perfezionato gli accordi per un uscita, grazie alla visione condivisa con i comuni soci di introdurre i correttivi necessari per uno nuovo sviluppo dell’Azienda, decide di rientrare a pieno titolo. A dicembre 2017 il Sindaco della Città di Castellanza, Mirella Cerini, viene eletta Presidente dell’Assemblea dei Soci.

La ripartenza

Da quel momento, in collaborazione con tutti gli amministratori dei comuni della Valle Olona si è continuato a lavorare per il consolidamento dell’Azienda che ad oggi ha tutte le caratteristiche per portare avanti gli obiettivi dei comuni fondatori: superare la frammentazione e razionalizzare l’offerta dei servizi alla persona e garantire l’universalità di accesso, sia ai servizi che alle informazioni, a tutti i cittadini dell’ambito di Castellanza. A maggio 2020 è stato assunto l’attuale Direttore a cui verrà incrementato nel corso di quest’anno l’orario settimanale, in prospettiva di una gestione diretta della contabilità e del bilancio, e in questi giorni l’Azienda ha provveduto all’’assunzione di un Coordinatore, fondamentale per lo sviluppo del ruolo di gestione dei servizi.

"Ora è una risorsa preziosa"

“Non è stato semplice - dichiara il Sindaco della Città di Castellanza Mirella Cerini - ma sono soddisfatta del percorso portato avanti in questi cinque anni, grazie anche alla collaborazione con gli amministratori dei Comuni soci dell’azienda che hanno condiviso gli intenti. L’Azienda Consortile Medio Olona ora ha tutte le caratteristiche per poter essere una risorsa preziosa per i nostri territori. Mi aspetto che continui a garantire ai nostri cittadini servizi di qualità e che assuma un ruolo attivo nella ricerca di risorse e nella definizione di progettualità innovative che rispondano ai bisogni emergenti nei nostri territori”