Menu
Cerca
Aria pesante

Caos vaccini e piattaforma Aria, il Pd dopo le parole dell'ex presidente: "Dalla Giunta richieste irrealizzabili, chiara responsabilità"

Il consigliere Samuele Astuti: "L’azienda, a suo dire, ha cercato di soddisfare  le pretese della politica, sapendo da subito che non erano fattibili"

Caos vaccini e piattaforma Aria, il Pd dopo le parole dell'ex presidente: "Dalla Giunta richieste irrealizzabili, chiara responsabilità"
Politica Varese, 03 Giugno 2021 ore 18:38

Il caos vaccini nella prima fase della campagna anti-Covid? Colpa delle richieste irrealizzabili della Giunta regionale. A dichiararlo, fa sapere il consigliere regionale Pd Samuele Astuti, l'ex presidente di Aria Spa Francesco Ferri sentito oggi, giovedì 3 giugno, in Commissione Bilancio al Pirellone.

Caos Vaccini, l'ex presidente di Aria: pretese troppo alte dalla Giunta

Si è tenuta oggi in Commissione bilancio l’audizione, chiesta dal Pd, dell’ex presidente di Aria, Francesco Ferri  e delle rappresentanze sindacali dell’azienda.

"Ferri - afferma il consigliere regionale  del Pd Samuele Astuti - ha portato una testimonianza preziosa, utile a  comprendere  lo stato della società partecipata nei mesi della pandemia. Innanzitutto ha chiarito senza alcun dubbio che le indicazioni della giunta alla società sulle prenotazioni dei vaccini  non erano assolutamente realizzabili, puntando quindi il dito sulle scelte di Moratti e Bertolaso. L’azienda, a suo dire, ha cercato di soddisfare  le pretese della politica, sapendo da subito che non erano  fattibili. Così come non era fattibile la programmazione del budget utilizzando un modulo excel, come aveva imposto il direttore generale del welfare".

L'intervento di Fontana e le dimissioni

"Ferri - sottolinea Astuti - ha affermato che il rapporto con la giunta è assolutamente fiduciario ed è quindi logico che si rompa se viene a mancare la fiducia. Ha tuttavia anche evidenziato che la scelta, operata da Fontana,  di nominare un amministratore unico è molto opinabile  perché  fa venire a mancare la  necessaria conformità  alle norme. Ferri ha infine fatto notare che il modo in cui Fontana ha chiesto le dimissioni al cda  è stato poco rispettoso della dignità dei suoi componenti".

"Chiare responsabilità della giunta Fontana"

"Il quadro - conclude il consigliere dem - tratteggiato dall’ex presidente Ferri indica con chiarezza le responsabilità  e gli errori della giunta Fontana nella gestione di Aria. Conferma, inoltre, le preoccupazioni delle opposizioni sul suo sviluppo nei prossimi anni se la Regione non cambierà radicalmente registro nell’indirizzo politico della società".