Menu
Cerca
Locate Varesino

A scuola in sicurezza: auto vietate in via S.Vito

Negli orari antecedente e successivo alle lezioni scolastiche, tranne il mercoledì. La sperimentazione parte lunedì 3 maggio.  Il sindaco: "Per rendere più sicuro l'accesso all'elementare per i bambini accompagnati dai genitori o dai volontari Pedibus".

A scuola in sicurezza: auto vietate in via S.Vito
Politica Comasca, 02 Maggio 2021 ore 18:56

 

 

L’amministrazione castiglioni, raccogliendo le lamentele e le preoccupazione ha deciso di istituire il divieto di transito alle auto in via San Vito negli orari di entrare e di uscita dei bimbi da scuola. “L’obiettivo è la sicurezza dei nostri figli”, ha detto il sindaco annunciato la sperimentazione che partirà domani, lunedì 3 maggio.

 Auto vietate in via S.Vito all’ingresso e all’uscito dei bimbi da scuola

Più sicurezza per gli alunni dell’Aldo Moro: parte in via sperimentale dal 3 maggio la chiusura della via S. Vito negli orari antecedente e successivo alle lezioni scolastiche, ad eccezione del mercoledì giorno di mercato.

«Ci sono giunte segnalazioni – spiegano il primo cittadino Luca Castiglioni e la vice Daniela Grimoldi – che lamentano come le auto posteggiate in maniera irregolare nel tratto antistante l’ingresso della scuola elementare creano situazioni di criticità e il pericolo per gli studenti e gli accompagnatori in occasione dell’entrata e dell’uscita da scuola».

Da qui l’idea di limitare l’accesso alla via S.Vito fino al piazzale Don Augusto Gianola in orario antecedente e successivo alle lezioni chiudendo la strada con una transenna per vietare il passaggio delle auto che transita davanti al cancello della scuola nelle fasce di maggior afflusso degli alunni ossia dalle 7.40 alle 8.10 e dalle 12.40 alle 13.05 nei giorni di martedì, giovedì e venerdì, mentre lunedì e mercoledì sarà chiusa dalle 16.20 alle 16.35 per la sola uscita pomeridiana. Il mercoledì, essendo già modificata la viabilità per la presenza del mercato in piazza, non è prevista la collocazione della transenna di sbarramento al traffico. Sarà invece ammesso l’accesso dei docenti con apposito tesserino.

 “Vogliamo garantire più sicurezza”

L’obiettivo è garantire la sicurezza dei bambini che accompagnati dai loro genitori o dai volontari del pedibus (sono un’ottantina gli studenti che usufruiscono del servizio) percorrono questo tratto di strada per recarsi a scuola a piedi o in bicicletta. Osserva Luca Castiglioni:

 

«Siamo consapevoli che cambiare le abitudini  soprattutto da parte di qualche genitore, sarà disagevole e sarà oggetto di lamentele, ma crediamo che garantire un breve percorso in piena protezione sia un obiettivo che non potrà essere condiviso da tutti gli adulti, genitori e insegnanti. Una scelta quindi che renderà più sicuri i momenti di ingressi e di uscita dei nostri figli e ridurrà l’inquinamento in prossimità della scuola».

La sperimentazione è stata comunicata a genitori, docenti e residenti

La sperimentazione parità il 3 maggio fino alla fine dell’anno scolastico e la sorveglianza agli ingressi sarà garantita dai volontari dell’associazione carabinieri in congedo di Mozzate.
Il cambio di viabilità è stato comunicato nei giorni scorsi dall’Amministrazione Castiglioni con una lettera inviata ai genitori, al dirigente scolastico e ai residenti.

 “Usate il nostro pedibus”

«Si tratta di un’occasione per sensibilizzare le generazioni più giovani ad adottare uno stile di vita sano. La scuola si trova in una zona centrale del paese e quindi è comodamente raggiungibile a piedi. A tale proposito – conclude il sindaco. Ribadiscono l’importanza del pedibus, servizio gratuito e attivo ogni giorno che coinvolge una ottantina di ragazzi dell’Aldo Moro».