Si apre il sipario

Riparte il Teatro Ragazzi al Giuditta Pasta: domenica la prima

In scena, "Le Nid", uno spettacolo sull’apertura verso il prossimo e il superamento della diffidenza nei confronti del diverso quali occasioni di scoperta e scambio costruttivo

Riparte il Teatro Ragazzi al Giuditta Pasta: domenica la prima
Saronno, 10 Ottobre 2020 ore 11:30

Dopo lo stop per l’emergenza, riparte la stazione per le famiglie con uno spettacolo che aiuta a crescere, e che aprirà la nuova rassegna del Teatro Ragazzi al Giuditta Pasta di Saronno.

Teatro ragazzi, appuntamento domenica al Pasta

Primo appuntamento, domenica 11 ottobre alle ore 16.00, con la rassegna Teatro Ragazzi al Giuditta Pasta di Saronno. Ad andare in scena sarà la giovane formazione Progetto g.g., composta da Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti, prodotta da Accademia Perduta/Romagna Teatri, con Le Nid, uno spettacolo incentrato sul tema dell’apertura verso il prossimo, il superamento della diffidenza nei confronti del diverso, quali occasioni di scoperta e scambio costruttivo.

La rappresentazione

In uno spazio completamente bianco, si racconta di una nascita e di un accudire, dell’attesa e della sorpresa, di uno strano uovo che si schiude. Di draghi magici che non fanno paura. La storia prende vita oltre le parole, nel linguaggio universale del corpo, della musica e della danza.

Musiche originali evocano giorni che passano, ninne nanne che addormentano, pericoli che arrivano, e gusci che si rompono. L’azione scenica è costruita attorno allo stupore dell’attesa. A qualcosa che sta per accadere.

3 foto Sfoglia la gallery

E poco importa se dall’uovo non uscirà un delicato e piccolo uccellino, ma un drago sgraziato e grandissimo dagli occhi oro. L’inatteso non farà paura: sarà abbracciato, coccolato, sfamato. Piccolo Drago amerà il suo nido: crescerà, imparerà e poi sarà pronto per il suo volo.  La ricerca realizzata con i bambini dagli 0 ai 4 anni, ha portato a svuotare lo spazio e a renderlo bianco, ad affidarci alle musiche minimali di Pier Giorgio Storti, agli essenziali elementi scenici creati da Donatello Galloni e a un drago veramente magico costruito dalle sapienti mani di Ilaria Comisso. Dopotutto, ciascuno cresce solo se sognato.

La compagnia

Francesca e Consuelo si conoscono da più di dieci anni. E da più di dieci anni si occupano di teatro rivolto all’infanzia, realizzando spettacoli e progetti di formazione teatrale in Italia e all’estero. Si sono formate assieme e non, per strade comuni, diverse e parallele. Si sono rincorse, rimandate, cercate e aspettate. Poi si sono trovate una di fronte all’altra, in quello che è sembrato essere il momento giusto. Così è nato il Progetto g.g.

Progetto g.g.

Progetto g.g. nasce da un’idea di Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti, da un’idea che si sta concretando passo passo. Un proposito fantastico, spontaneo, difficile e sognato. È la g. che le lega alle origini. È la g. di ginepraio, inteso come guazzabuglio, intreccio, groviglio, quello in cui si ritrovano abitualmente in fase di ricerca, e che a volte decidono di non sciogliere del tutto. Perché g. è anche la g. del gioco, che combina le forme che determinano l’opera che insieme ai bambini scelgono di costruire. In una continua ricerca che portano avanti con e per l’infanzia. Nel 2017 debutta la prima produzione di Progetto g.g., Valentina Vuole – piccola narrazione per attrici e pupazzi (finalista in –BOX VERDE 2018 e Spettacolo vincitore del Premio Eyes Wide Open 2019 per la “migliore drammaturgia”).

Biglietto di ingresso: posto unico 10 euro.

Lo spettacolo va in scena – sia per il pubblico che per gli artisti – nel rispetto delle norme per la sicurezza in vigore.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia