Economia
Lavoro

Rescaldina, lavoratori Emerson in corteo per dire no ai licenziamenti

Manifestazione a Legnano dopo l'annuncio di licenziamenti nella sede della multinazionale a Rescaldina

Rescaldina, lavoratori Emerson in corteo per dire no ai licenziamenti
Economia Alto Milanese, 18 Febbraio 2022 ore 13:05

I 125 lavoratori della Emerson di Rescaldina sono scesi in piazza a Legnano oggi, 18 febbraio 2022, per dire no alla chiusura dello stabilimento e ai licenziamenti.

Il corteo del lavoratori

Un lungo corteo di lavoratori della Emerson e bandiere sta attraversando il centro di Legnano per sensibilizzare le istituzioni e scongiurare la chiusura del sito di Rescaldina con il conseguente licenziamento di 125 lavoratori. I dipendenti dell'azienda sono partiti dalla piazza Monumento dove è presente la Franco Tosi, simbolo del lavoro a Legnano, e si sono diretti verso piazza San Magno percorrendo tutto il centro della città. Davanti al Municipio incontreranno il sindaco Lorenzo Radice.

Il rischio delocalizzazione

Alla base dei licenziamenti la possibile chiusura dell'azienda che potrebbe delocalizzare la propria produzione all'estero, come purtroppo già accaduto per altre aziende del territorio. L'obiettivo dei sindacati, Fiom e Fim in prima linea, è quella di scongiurare la chiusura o nel malaugurato caso questa avvenga, il ricollocamento dei lavoratori non mettendo a rischio il sostentamento di un centinaio di famiglie.

In aiuto potrebbero venire anche altre aziende interessate ad acquisire il sito produttivo e di conseguenza anche la forza lavoro presente.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter