Montagna

Regione al fianco dei suoi rifugi e bivacchi: pronta la legge

Oltre tre milioni in tre anni per progetti di riqualificazione e abbattimento delle barriere architettoniche

Regione al fianco dei suoi rifugi e bivacchi: pronta la legge
Varese, 04 Maggio 2020 ore 17:14

Il consiglio regionale ha approvato all”unanimità il progetto di legge con nuove misure a sostegno di interventi per rifugi e bivacchi.

Rifugi e bivacchi: nuovo sviluppo per le montagne lombarde

“Nuovo passo avanti verso lo sviluppo di attività, impiantistica e professioni inerenti alla montagna”
Così l’assessore alla Montagna Massimo Sertori ha salutato il via libera dal consiglio regionale al progetto di legge per lo sviluppo e il sostegno dei rifugi e bivacchi della Regione. Una legge che ha l’obbiettivo di promuovere e sviluppare le attività motorie e sportive, l’impiantistica correlata e l’esercizio delle professioni sportive inerenti alla montagna. Tra gli elementi che caratterizzano la nuova legge c’è ad esempio la modifica di alcune delle norme contenute nella l.r. n. 26, in particolare la possibilità di prevedere l’erogazione di contributi in capitale a fondo perduto per la realizzazione, riqualificazione, gestione sostenibile e accessibilità di rifugi e bivacchi, passando dal 50% all’80% dell’ammontare della spesa ritenuta ammissibile.

Le risorse

I finanziamenti ammontano a 1,3 milioni di euro per il 2020 e a 1 milione di euro per ciascun anno del biennio 2021-2022. Con le risorse disponibili Regione Lombardia intende avviare un bando finalizzato all’erogazione di contributi per la riqualificazione di rifugi e bivacchi esistenti. Questi contributi saranno destinati al miglioramento del delicato contesto ambientale e paesaggistico in cui le suddette strutture si trovano e, in particolare, a consentire l’abbattimento delle barriere architettoniche e rendere quindi più agevole la fruibilità delle strutture stesse.

Un volano per le comunità montane

Sertori ha voluto rimarcare l’importanza di questo atto regionale che, spiega, “tiene conto dei costi molto elevati sia degli interventi di manutenzione che richiedono tali strutture, in ragione della particolare conformazione dei luoghi in cui sono allocate e delle condizioni atmosferiche spesso avverse, sia dei costi significativi dovuti all’impiego di manodopera specializzata e di mezzi straordinari per il trasporto merci in alta quota. Ulteriori fonti di spesa sono costituite dal trasporto di materiali qualora per le particolari condizioni di viabilità sia necessario impiegare mezzi di trasporto non convenzionali e dall’allestimento dei cantieri per i quali è necessario predisporre appositi piani di sicurezza per i lavoratori”.

I tempi per la ripartenza

 “Questa legge – ha aggiunto Sertori – taglia i tempi della burocrazia nel settore specifico dei rifugi e dei bivacchi: entrerà infatti in vigore il giorno successivo a quello della pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione, per rispondere alla necessità di procedere il più celermente possibile alla pubblicazione di ulteriori bandi e garantire la realizzazione degli interventi finanziati durante la stagione estiva. Un risultato frutto di un continuo pressing con il territorio, che non può che garantire efficienza dei servizi e della sostenibilità ambientale di questo enorme patrimonio ambientale e sociale. Regione Lombardia dimostra ancora una volta una forte sensibilità nei confronti delle sue montagne, incentivando interventi di sviluppo per favorire la ripartenza dopo l’emergenza dovuta alla diffusione del Covid19”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia