Coldiretti

Coldiretti plaude al Ristori Bis: “Bene taglio del costo del lavoro in agricoltura”

Il commento del Presidente provinciale Fernando Fiori alle nuove iniziative di sostegno approvate dal Governo

Coldiretti plaude al Ristori Bis: “Bene taglio del costo del lavoro in agricoltura”
Varese, 10 Novembre 2020 ore 15:12

Coldiretti Varese interviene in merito al Decreto Ristori Bis: “Provvedimento nazionale indispensabile per sostenere le imprese colpite a cascata dagli effetti delle chiusure dei canali di ristorazione”.

Dal Ristori Bis sostegno al lavoro in agricoltura

 “È stato ottenuto il taglio del costo del lavoro con l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali in agricoltura protratto alla fine dell’anno, importante per sostenere le imprese agricole duramente colpite a cascata dalle chiusure della ristorazione”.

È quanto afferma Fernando Fiori, presidente di Coldiretti Varese, nel commentare lo stanziamento di ulteriori 340 milioni di euro con il Decreto Ristori bis varato dal Consiglio dei Ministri per garantire, anche per il mese di dicembre, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali delle imprese, operanti su tutto il territorio nazionale e appartenenti alle filiere agricole.

LEGGI ANCHE: Le novità del Decreto Ristori Bis

“Misura importante contro gli effetti dello stop alla ristorazione”

“Si tratta – sottolinea Fiori – di una misura importante di fronte agli effetti della chiusura delle attività di ristorazione che si fanno sentire a cascata sull’intera filiera agroalimentare con disdette di ordini per le forniture di molti prodotti, dal vino alla carne, dalla frutta alla verdura, dai salumi ai formaggi di alta qualità, che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco”.

Nel comprensorio prealpino – rileva la Coldiretti provinciale – come nel resto della Lombardia e nelle altre aree nazionali a zona rossa, sono sospese tutte le attività di ristorazione e quindi, anche la somministrazione di pasti e bevande da parte degli agriturismi. “Si tratta di un colpo drammatico per chi è costretto a chiudere proprio adesso limitando solo la sola consegna a domicilio o la ristorazione con asporto. Lo scorso anno si erano registrate buone performance nelle strutture agrituristiche Varesotto, quest’anno le due ondate di pandemia hanno rovinato tutto e provocato la chiusura delle strutture agrituristiche del nostro territorio, determinando la perdita di svariati milioni”, conclude Fiori.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia