Renato Franchi: ecco l’album”InCanto”, la musica celebra la bellezza FOTO

Il noto cantautore di Rescaldina ha presentato il suo disco, il primo a uscire unicamente a suo nome

Renato Franchi: ecco l’album”InCanto”, la musica celebra la bellezza FOTO
10 Dicembre 2019 ore 12:40

Renato Franchi: il noto cantautore di Rescaldina e noto nel panorama musicale, ha pubblicato l’album “InCanto”. “Qui parliamo di bellezza lasciandoci alle spalle le brutture del mondo ma infondendo la speranza”. E’ il primo disco a suo nome dopo i precedenti usciti a nome “Renato Franchi & l’Orchestrina del Suonatore Jones”.

Renato Franchi, ecco “InCanto”

“…Mi sono fermato, ho sofferto, gioito, pianto, ho graffiato i muri e il cuore. Ho messo da parte tutte le brutalità, l’indifferenza. Ho cancellato gli idioti, i diavoli al volante, i falsi, gli ipocriti, i detrattori di sogni, i parolai di turno, mi sono messo al fianco i sorrisi della bella gente. E’ arrivato qualche angelo a suonare il citofono. Ecco un inno all’amore, al bisogno di rispetto,  alla dignità e all’umanità”.
Così Renato Franchi, cantautore di Rescaldina, noto nell’Altomilanese così come in tutto il panorama nazionale, ha presentato “InCanto”: un album, disponibile dal 9 dicembre 2019, prodotto da “L’Atlantide” e distribuito da “Egea Music!”, che è il primo che esce a suo nome dopo i precedenti a firma “Renato Franchi & l’Orchestrina del Suonatore Jones”.
Al fianco di Franchi (leadvocal, acustic and electric guitar e armonica)gli stessi musicisti: Marta Franchi (flauti & vocal background), Roberto D’Amico (basso elettrico), Jose Carboni (chitarra elettrica), Viky Ferrara (drums & vocal background), Gianni Colombo (pianoforte e Hammond), Gianfranco D’Adda (player percussion) e la new entry Dan Shim Sara Galasso (violino).

Un nuovo viaggio di Franchi, fatto di liriche, sonorità e arrangiamenti rock blues d’autore che arrivano a toccare un’importante creatività artistica e letteraria. “E’ un album in controtendenza ai tempi scuri e feroci che stiamo attraversando,nelle sue liriche mette al centro il diritto alla speranza e alla bellezza – spiega Franchi -. La bellezza che non puoi spiegare perchè, come dice San Tommaso, bello è quello che quando lo vedi ti piace e non ti poni domande o, per dirla come Kant, la bellezza è ciò che ti colpisce all’improvviso e non c’è concetto e non c’è scopo. Da questa filosofica spontaneità è arrivata una manciata di canzoni che frullano all’interno di un caleidoscopio sonoro e colorato come a rinnovare il diritto di una nuova rinascita”.

Le foto della presentazione del disco:

I brani dell’album

Nove le canzoni che compongono il disco (“tra l’altro il 9 che ricorre spesso nella nostra avventura: 9 canzoni, l’album esce il 9 dicembre, abbiamo una band che si chiama ‘909’ con la quale proponiamo cover dei Beatles di cui faceva parte Giampiero Lecchi  che omaggiamo con una canzone). L’album si apre con “Anime in vetrina”, poi via con “Petali d’amore”, “InCanto”, “Rondini”, “Cuore matematico”, “Istantanee”  – ‘pezzo questo che tocca l’argomento dell’immigrazione dando speranza’ – commenta Franchi, “Dis-Incanto”, “Rock Paradise” per chiudere con “Salvato”.
“Tutto nasce da un vissuto – prosegue Franchi – e si sviluppa sui temi dell’amore, dell’incontro e con richiami forti. Un brano come ‘Petali d’amore’ fa sentire bene da dove arriviamo, ‘Rondini’ tocca il tema della bellezza senza fine. Vogliamo una rinascita culturale e artistica che risponda alle brutture del giorno d’oggi”.

Poi la scelta di far uscire il disco a nome Renato Franchi: “Finora suonavamo con un nome importante, l’Orchestrina del Suonatore Jones, dedicato a Fabrizio De Andrè. Ora, pur mantenendo il nostro percorso musicale e artistico, vogliamo far emergenze la nostra produzione che è molto ampia”

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE