Cultura

Nuovo premio per Lucato: la Varese della Belle Epoque conquista la Toscana

La bibliotecaria venegonese e scrittice terza al premio letterario nazionale Carlo Piaggia: la Varese storica invade la Toscana.

Nuovo premio per Lucato: la Varese della Belle Epoque conquista la Toscana
Cultura Saronno, 03 Luglio 2018 ore 14:59

La bibliotecaria di Venegono, ormai al suo terzo libro giallo, sul podio del premio letterario nazionale Carlo Piaggia.

Nuovo premio: “La voce di Belforte” arriva fino a Lucca

Il giudice Gagliardi, dopo aver conquistato i lettori della provincia Varesina e dei dintorni, conquista anche la giuria del premio nazionale Carlo Piaggia. E la scrittrice che ha riscoperto e portato al pubblico la sua storia, la bibliotecaria di Venegono Superiore Roberta Lucato, non può che dirsi soddisfatta. E sorpresa. “Sapevo di essere tra i primi 10 – racconta – Insieme agli altri finalisti sono stata invitata alla Badia di Cantignano per la serata di premiazione. Non mi sarei mai aspettata di essere richiamata tra i premiati, al terzo posto”.

Il giallo Varesino che piace in Toscana

“Il libro, come i precedenti sul giudice Gagliardi, piacciono molto qui, terre che distano a pochi chilometri dai luoghi dove sono ambientati (e si sono svolti realmente, ndr) i fatti”, spiega l’autrice. “Non credevo che il mondo della Varese pre-Guerra Mondiale potesse interessare e incuriosire tanto anche così lontano. Senza contare che, pur essendo una storia vera, anche se non esplicitato nel libro, si tratta di un giallo. E in questi concorsi “aperti” – continua Lucato – i gialli faticano a catturare la giuria. Ed è inoltre un grande piacere vedere che il proprio lavoro viene apprezzato anche da chi è lontano ai lettori che, di presentazione in presentazione, ho imparato a conoscere”.

Al lavoro per il prossimo romanzo

Terzo libro e terzo successo con “La voce di Belforte” per il giudice Gagliardi. La domanda è quindi d’obbligo: il giudice varesino tornerà nelle librerie? “Sì – risponde Lucato – Negli archivi del Tribunale di Varese ho trovato molte sue indagini, molte storie e persone che sento di dover raccontare. Sono al lavoro sul prossimo libro, ma mi sta richiedendo molto studio. In tanti mi chiedono qualche anticipazione, ma per il  momento bocca cucita”.

TORNA ALLA HOME E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter