Cultura
il concerto

L’eleganza fatta musica: Corrado Greco suona in trio per il penultimo concerto della Stagione dell’Insubria

Il Trio Greco Sello Hauri propone quattro opere di autori e epoche differenti che mettono in risalto il dialogo tra strumenti via via divenuti protagonisti nei secoli.

L’eleganza fatta musica: Corrado Greco suona in trio per il penultimo concerto della Stagione dell’Insubria
Cultura Varese, 10 Maggio 2022 ore 13:58

Venerdì 13 maggio alle 18 nell’Aula Magna del Rettorato, a Varese, Corrado Greco è protagonista al pianoforte, con la flautista Luisa Sello e il violoncellista Claude Hauri; ingresso libero senza prenotazione. E su YouTube, in una playlist dedicata, si possono già rivedere le prime cinque date.

L’eleganza fatta musica: Corrado Greco suona in trio per il penultimo concerto della Stagione dell’Insubria

Ottavo e penultimo appuntamento per la XXI Stagione concertistica dell’Università dell’Insubria, che con il ritorno in presenza, ad aprile, ha ritrovato il suo pubblico numeroso e affezionato. Sul podio questa volta c’è il direttore artistico, il maestro Corrado Greco, in veste di pianista, in trio con la flautista Luisa Sello e il violoncellista Claude Hauri. «L’eleganza fatta musica» è in programma venerdì 13 maggio alle ore 18 nell’Aula Magna del Rettorato, in via Ravasi 2 a Varese, con ingresso libero senza prenotazione e mascherina obbligatoria.

Il Trio Greco Sello Hauri propone quattro opere di autori e epoche differenti che mettono in risalto il dialogo tra strumenti via via divenuti protagonisti nei secoli e sono accomunate dall’elegante fraseggio nello stile compositivo e dalla ricerca sonora finemente cesellata sull’identità dei singoli. Si tratta di: Trio in re maggiore Hob. XV:16 per flauto, violoncello e pianoforte di Franz Joseph Haydn              (Rohrau, 1732 – Vienna, 1809), tra i primi autori a mettere in evidenza dialogo e uguaglianza tra gli strumenti; Gran Trio in sol maggiore op. 119 di Friedrich Kuhlau (Uelzen, 1786 – Copenaghen, 1832), con una sezione media all’ungherese particolarmente degna di nota; Trio in la magg. op. 78 Schöne Minka di Johann Nepomuk Hummel (Presburgo, 14 novembre 1778 – Weimar, 17 ottobre 1837), che dopo un'introduzione efficace e drammatica il piano annuncia il tema della canzone russa del titolo; Trio in fa maggiore n. 1 H. 193 di Bohuslav Martinů (Polička, 1890 – Listal, 1959), un vero gigante della musica ceca, giustamente considerato uno dei più importanti compositori del XX secolo, emigrato negli Stati Uniti per fuggire dai nazisti.

I musicisti del Trio. La flautista Luisa Sello è stata definita dal New York Concert Review artista dalla «avvincente passione e spontanea cantabilità, con tecnica brillante, eccellente controllo del fiato, suono generoso e grande charme», suona in tutto il mondo ed è artista scelta dal Ministero Italiano dei Beni Culturali per rappresentare la musica italiana. Claude Hauri è regolarmente ospite delle principali società di concerto in Europa, Americhe e Giappone e dedica particolare attenzione al repertorio contemporaneo.

Corrado Greco, membro del Trio des Alpes, si è diplomato in pianoforte a diciannove anni con lode all’Istituto Bellini di Catania, perfezionandosi con Alberto Mozzati e a lungo con Bruno Canino. Ha completato la sua formazione accademica al Conservatorio di Milano, dove si è diplomato a pieni voti in Composizione e in Musica Elettronica, e dove ora insegna come docente titolare. Premiato in importanti concorsi pianistici nazionali ed internazionali, suona stabilmente come solista e con orchestra per illustri istituzioni musicali italiane e all’estero. È direttore artistico della Stagione musicale dell’Università dell’Insubria dalla sua nascita, nel 2001.

Sul canale YouTube dell’ateneo sono in corso di pubblicazione le registrazioni dei concerti passati a cura di B-Link; nella playlist sono già fruibili i primi cinque spettacoli: https://youtube.com/playlist?list=PLh_3Q6ZRqWs3QlRQBHzrlb0CcveyiA-qj

Ultimo appuntamento con la musica all’Insubria venerdì 10 giugno: «La grande tradizione russa e ungherese», pianoforte a quattro mani con Sandra Landini e Francesca Amato; www.uninsubria.it/stagione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter