Parco Pineta

Il Parco Pineta in campo per scongiurare l’estinzione del rospo Pelobate Fosco

Grazie al progetto Life Insubricus del parco lombardo valle Ticino che ha ricevuto 5 milioni di euro di fondi europei si prevedono interventi sia sulla specie che sull’habitat.

Il Parco Pineta in campo per scongiurare l’estinzione del rospo Pelobate Fosco
Tradate, 01 Ottobre 2020 ore 10:30
Il Parco Pineta in campo per evitare l’estinzione del Pelobate Fosco, ( un anfibio) nell’ambito del progetto Life Insubricus  del Parco lombardo Valle del Ticino, che ha recentemente ricevuto 5 milioni di euro con interveniti mirati a ripristino di zone umide e alla creazione i nuovi siti idonei alla loro riproduzione e con il coinvolgimento attivo della popolazione, in particolare le scolaresche.

Un progetto per scongiurare l’estinzione dell’anfibio Pelobate Fosco

Anche il Parco Pineta in campo per evitare l’estinzione del Pelobate Fosco (nome scientifico Pelobates fuscus insubricus) comunemente chiamo il rospo dell’aglio, all’interno del progetto Life Insubricus  del Parco lombardo Valle del Ticino, che ha recentemente ricevuto 5 milioni di euro nell’ambito del programma di finanziamento europeo LIFE 2014-2020. Partner del progetto coordinato dal Valle del Ticino l’Ente di Gestione del Parco Paleontologico Astigiano, la Città Metropolitana di Torino, Eleade Società Cooperativa, Istituto Delta – Ecologia Applicata, il Parco Pineta Appiano Gentile-Tradate, l’Ente di Gestione Aree Protette Po Torinese e l’Ente di Gestione Aree Protette Ticino Lago Maggiore.
“Un nuovo successo dopo il finanziamento ottenuto con l’Interreg Italia-Svizzera frutto del cambio di passo che vede il Parco Pineta impegnato nella gestione dell’area vasta Insubria-Olona – commenta il Presidente Mario Clerici – Un grazie particolare va al dottor Andrea Bologni, dipendente del Parco Pineta che segue il progetto per la parte attinente al nostro territorio”.
Il progetto si occupa della specie prioritaria Pelobates fuscus insubricus in 14 Siti Natura 2000 tra Lombardia e Piemonte. Il rischio di estinzione della specie target nel breve periodo è concreto, in considerazione anche del cattivo stato di conservazione in cui versa il suo habitat riproduttivo.

Interventi di tutela dell’habitat

Il progetto, che prevede interventi sia sulla specie che sull’habitat, mira a migliorare sensibilmente lo stato di conservazione del Pelobate fosco insubrico, fornendo le basi per una crescita delle popolazioni anche nel periodo successivo alla conclusione del Life.

Le attività progettuali inizieranno ad ottobre 2020 e termineranno il 31 dicembre 2026.
Il budget totale a disposizione dei beneficiari è di 5.215.092€, con un contributo europeo pari a 3.909.739 euro (75%); la Fondazione Cariplo e Snam Rete Gas Spa supportano il progetto in qualità di co-finanziatori.
“Durante i 6 anni di attività  – illustrano dal Parco Pineta – verranno implementati interventi per garantire la conservazione della minima popolazione vitale e per contrastare le principali minacce alla presenza della specie. In particolare le azioni concrete di conservazione includono interventi di ripristino e miglioramento delle zone umide esistenti e la creazione di nuovi siti idonei alla riproduzione e al ripopolamento all’interno dei 14 Siti Natura 2000 identificati”.

 Coinvolgimento della popolazione

Di fondamentale importanza per il raggiungimento dei risultati sarà il coinvolgimento attivo della popolazione locale e dei principali stakeholder. A tal fine è prevista l’organizzazione di eventi locali aperti al pubblico e in particolare agli studenti delle scuole del territorio. Tra le attività di formazione previste si evidenzia la realizzazione di una Summer School e di stage formativi rivolti a giovani erpetologi e ad una task force di volontari. Inoltre, è stata raccolta la disponibilità di privati proprietari e agricoltori a contribuire alla conservazione della specie sia con la messa a disposizione delle delle aree interessate dagli interventi progettuali sia per la condivisione di buone pratiche per il mantenimento di condizioni idonee al Pelobate.

L’anfibio è presente nella zona Comasca del Parco

In Lombardia il Pelobate Fosco è presente nelle paludi di Arsago Seprio, dove si trova la popolazione più grande d’Italia e, se non estinto, lungo l’asta fluviale del Po tra Cremona e Mantova. Per quanto riguarda il territorio del Parco Pineta invece questo animale si trova in un’unica stazione in provincia di Como, e si sta cercando di evitarne l’estinzione locale.
La sua presenza è minacciata dalla distruzione del suo habitat causata da bonifiche ed interventi edilizi, dall’inquinamento e dall’arrivo di specie esotiche, in particolare la tartaruga dalle orecchie gialle/rosse, il pesce siluro e il gambero della Louisiana
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia