Progetti

Fondazione Comunitaria del Varesotto e Cariplo premiano il Parco Pineta

82mila euro per educazione ambientale allo sviluppo sostenibile e tecnologie per il futuro planetario. Risorse anche per Valceresio, Valcuvia e Laghi.

Fondazione Comunitaria del Varesotto e Cariplo premiano il Parco Pineta
Saronno, 29 Gennaio 2020 ore 13:25

Tra i 430mila euro assegnati tramite i bandi di Fonazione Comunitaria del Varesotto e Fondazione Cariplo, 80mila sono destinati al Parco Pineta.

Parco Pineta, nuovi fondi per il planetario

Il planetario all’Osservatorio Astronomico di Tradate si avvicina grazie anche alle risorse stanziate da Fondazione Comunitaria del Varesotto e da Cariplo. L’Ente parco è infatti tra le realtà finanziate tramite i bandi rivolti alle iniziative di impatto positivo per il benessere della comunità e per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio locale. Per il Parco Pineta si parla di 80mila euro per un  progetto di educazione ambientale allo sviluppo sostenibile, che porterà anche alla realizzazione di un eco planetario. Un progetto che mira a dotare il Centro didattico-scientifico dell’Osservatorio di Tradate di un moderno sistema di proiezione digitale all’interno del planetario, in grado di essere utilizzato anche per la didattica ambientale, con proiezioni di video che avvolgono lo spettatore a 360 gradi.

Gli altri progetti finanziati

Non c’è solo il Parco Pineta. I fondi dei contributi Emblematici Provinciali sono stati destinati per iniziative di diversi settori, dal green al sociale, passando dalla cultura e fino alla valorizzazione dei beni architettonici, anche in Valceresio, la Zona del Lago di Varese e della Valcuvia.

Ecco quali: 

  • 140mila euro al progetto della cooperativa socialem Mirabilia per la realizzazione a Inarzo di un capannone per lavorazioni elettromeccaniche e un laboratorio gastronomico, dove sarà possibile trasformare prodotti alimentari provenienti dall’attività agricola e destinarli alla ristorazione sociale.
  • 128mila euro al progetto del Centro di Ricerca  in Osteoarcheologia e Paleopatologia dell’Università degli Studi dell’Insubria che istituirà un percorso archeologico di valorizzazione, tutela e fruizione, a Cittiglio, Caravate e Azzio per rilanciare il turismo del territorio, partendo dalla riqualificazione di alcuni siti archeologici della Valcuvia ad oggi ancora sconosciuti ma che rivestono uno straordinario potenziale storico e artistico.
  • 82mila euro alla Parrocchia Prepositurale San Vittore Martire di Arcisate, per valorizzare la Basilica di San Vittore non solo come bene architettonico, ma anche come luogo identitario per tutta la comunità di Arcisate; il progetto mira a risanare e conservare le facciate esterne della Basilica, con interventi di riqualificazione e consolidamento degli intonaci, delle superfici lapidee, dei cotti e degli elementi in ferro, cancellando i segnali evidenti di degrado dovuti all’azione degli agenti atmosferici.

“Creare valore per le persone e per il territorio”

Così commenta Giovanni Fosti, Presidente Fondazione Cariplo:

“Fondazione Cariplo vuole promuovere iniziative che creino valore per le persone e per il territorio. I progetti Emblematici nascono dalla collaborazione tra i diversi soggetti che vivono e operano all’interno delle comunità e, per la loro complessità e importanza, rivestono un grande valore simbolico. Progetti come questi sono resi possibili dalla collaborazione e dal dialogo continuo tra Fondazione Cariplo e la Fondazione Comunitaria del Varesotto che, grazia alla sua vicinanza al territorio, è in grado di raccoglierne le sensibilità e le esigenze”.

Intanto le due Fondazioni sono al lavoro per ulteriori approfondimenti per completare altre possibili assegnazioni nel 2020.

“Questi interventi Emblematici Provinciali – spiega Maurizio Ampollini, presidente della Fondazione Comunitaria del Varesotto –  ci permettono di sostenere esemplari iniziative di sussidiarietà per il nostro territorio ed esprimere valori filantropici idonei a generare un positivo impatto sulla qualità della vita e sulla promozione dello sviluppo culturale, economico e sociale delle comunità di riferimento“.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE