Menu
Cerca
Tradate

"Asteroidi carboniosi senza più segreto", se ne parla col presidente del Gat

Per la prima volta l’ uomo ha di recente prelevato e portato a Terra pezzi di asteroidi: un’impresa fantascientifica presentata online dal Gruppo astronomico in ogni dettaglio lunedì 7 giugno.

"Asteroidi carboniosi senza più segreto", se ne parla col presidente del Gat
Cultura Tradate, 04 Giugno 2021 ore 17:30

 

Per la prima volta l’ uomo ha di recente prelevato e portato a Terra pezzi di asteroidi: un’impresa fantascientifica presentata online dal Gruppo astronomico in ogni dettaglio lunedì 7 giugno.

Nuovo appuntamento online col Gat. Lunedì 7 giugno la conferenza sarà curata dal presidente cesare Guaita che ci intratterrà sul tema: "Asteroidi carboniosi senza più segreto" .

Asteroidi in laboratorio

Fino a qualche anno fa sarebbe stata fantascienza… Oggi invece si tratta di un evento reale per quanto incredibile. Parliamo del prelievo e del trasporto automatico  a Terra   di campioni  dalla superficie di lontanissimi asteroidi. Sarà questo  il suggestivo argomento della nuova serata ONLINE organizzata dal GAT, Gruppo Astronomico Tradatese, per lunedì 7 Giugno, alle 21 (accesso come sempre libero dal sito del GAT http://www.gruppoastronomicotradatese.it). Il dott. Cesare Guaita, presidente del GAT terrà infatti una conferenza sul tema: "Asteroidi carboniosi senza più segreto".

Scopriamo insieme al Gat l'argomento della prossima conferenza

Verranno descritte  due tra le più incredibili avventure spaziali di sempre,  quella della sonda giapponese Hayabusa-2 che  nel Giugno 2018  entrò in ordita  attorno all’asteroide Ryugu, e quella della sonda americana Osiris-REX  che raggiunse l’orbita dell’asteroide Bennu  nel dicembre successivo. Ryugu e Bennu appartengono alla classe dei NEO, ossia degli asteroidi pericolosi, avendo orbita intersecante con quella della Terra. Illustra Guaita:

"Al momento, sono conosciuti circa 7000 NEO. Ma ce ne sono solo due (appunto Ryugu e Bennu) con una composizione ricca di composti carboniosi, che conferisce loro una colorazione nera come …il carbone.  E’ un mistero da dove venga questo carbonio (sono resti di comete ?). Altrettanto misteriosa e stupefacente è la loro morfologia: sono infatti entrambi dei ‘mucchi di sassi’  in veloce rotazione (riaggregazione di frammenti prodotti da un gigantesco impatto ?). Capire l’origine ed il tasso di pericolosità di questi oggetti è quindi una priorità scientifica assoluta, ma  impossibile da studi terrestri fatti da milioni di km di distanza.  Per questo la NASA e la JAXA (l’ Agenzia Spaziale Giapponese) hanno organizzato delle missioni spaziali con lo scopo primario  di  catturare materiale da portare poi a terra per analisi dettagliate. Questa operazione si è già completata con grande successo da parte dei Giapponesi: Hayabusa-2 prelevò infatti da Ryugu un campione superficiale nel Febbraio 2019 ed un campione più profondo nel Luglio successivo. I due preziosi campioni, racchiusi in una capsula stagna, sono stati riportati a Terra il 5 dicembre 2020 e sono attualmente ‘sotto i ferri’  di scienziati di mezzo mondo. Le modalità dei prelievi sono state a dir poco fantascientifiche: basti dire che  per  il prelievo  di materiale profondo   Giapponesi  hanno sparato un missile contro l’asteroide, per aprirsi un pertugio attraverso cui inserire una specie di aspira-polvere a forma di proboscide. E tutto questo  mediante comandi da terra a circa 400 milioni di km di distanza. Gli Americani hanno invece lavorato  con più calma: Osiris-REX ha infatti prelevato un copioso campione da Bennu  il 20 Ottobre 2020, ma ha lasciato l’orbita dell’asteroide solo lo scorso 10 maggio, per un ritorno a  Terra previsto per il settembre 2023. Le prime indiscrezioni  sui dati analitici dei campioni giapponesi  sono filtrate a metà dicembre, durante  l’annuale convegno della Società Geologica Americana: si tratta di informazioni a dir poco  impreviste ed imprevedibili che il GAT presenterà  per la prima volta in pubblico  nella serata di lunedì 7 giugno"-